Coronavirus, studio svela: contagi aumentati del 46% in Italia

Coronavirus, scatta l’allarme in Italia. Come infatti evidenzia Fondazione Gimbe con uno studio approfondito, i nuovi contagi sono aumentati addirittura del 46% nelle ultime settimane. Dati allarmanti in vista dell’autunno. 

Coronavirus

Coronavirus, cresce l’allarme in Italia. E sono anche e soprattutto i numeri a confermarlo. Come infatti evidenzia la Fondazione Gimbe, i positivi sono aumentati addirittura del 46% dal 5 all’11 agosto rispetto ai sette giorni precedenti.

focolai di coronavirus in italia

Coronavirus, nuovi dati preoccupanti in Italia

E non finisce qui: parallelamente, infatti, sono incrementati anche i ricoveri e i decessi. Mentre nel frattempo si conta una diminuzione generale dei tamponi sul territorio, indice di un’attenzione che è erroneamente calata con la discesa della curva epidemiologica e con l’arrivo dell’estate.

Potrebbe interessarti anche —-> Calabria, Santelli firma ordinanza per chiudere discoteche e sale da ballo

Come evidenzia lo studio, i nuovi positivi arrivano soprattutto dal Veneto con 9,95 nuovi casi ogni 100mila abitanti. Ovvero quasi il doppio della Lombardia epicentro dell’epidemia in Italia. Ma anche lo stesso territorio lombardo conta 198 casi in più rispetto alla scarsa settimana, così come la Sicilia ne registra ben 153. In Piemonte l’incremento è del +98.

Così il flusso si fa man mano sempre più intenso. Rispetto ai 1.400 contagiati per settimana delle prime tre settimana di luglio, infatti, i dati sono progressivamente aumentati. L’Italia ha del resto visto più di 1.700 nell’ultima settimana di luglio, oltre 1900 nella prima settimana d’agosto e quasi 3.000 in quest’ultimo periodo di riferimento.

“Queste sono spie che allertano nel non abbassare la guardia, bisogna mantenere un grande senso di responsabilità singola e collettiva”, ha evidenziato a gran voce il presidente della fondazione Nino Cartabelotta. Il motivo di tale impennata, come intuibile, sono le vacanze tra assembramenti vari e i viaggio all’estero tra le varie zone rosse.

Leggi anche —-> Coronavirus, Puglia: epidemiologo Lopalco conferma seconda ondata di contagi