Bielorussia, la polizia arresta 1000 persone e spara sui manifestanti

La Bielorussia, a seguito delle elezioni di domenica 9 agosto, sta vivendo nel caos: le manifestazioni di dissenso non cessano e la polizia usa armi da fuoco.

Proteste Bielorussia
Bielorussia, la polizia spara sui manifestanti (photo Getty)

Le elezioni della scorsa domenica in Bielorussia, dove il presidente in carica è stato riconfermato con un’alta percentuale di voti, sta creando una serie di tumulti nel Paese. La situazione, come riporta Skytg24, sta man mano peggiorando e la polizia locale, da quanto si apprende, ha iniziato ad usare armi da fuoco contro i manifestanti. Nel frattempo, il capo dell’opposizione, Svetlana Tikhanovskaya, si è allontanata dal Paese, per rifugiarsi in Lituania.

Come la stessa polizia locale ha fatto sapere, sono 1000 le persone arrestate a causa delle manifestazioni e gli agenti hanno anche sparato su un gruppo di persone che stavano protestando a Brest, nel sud-ovest del Paese.

Leggi anche >>> Bielorussia, Tikhanovskaya si rifugia in Lituania: “L’ho fatto per i miei figli”

Bielorussia, giornalista italiano fermato e poi rilasciato

Proteste Bielorussia
Proteste Bielorussia (photo Getty)

Come riporta Skytg24, la polizia ha anche fermato un giornalista, freelance, italiano, Claudio Locatelli. Questi, al momento del rilascio, ha immediatamente raggiunto l’ambasciata italiana del Paese. A testimoniare quanto accadutogli è stato egli stesso. Racconta infatti il giornalista che la polizia bielorussa lo ha “brutalmente arrestato”. Dopo tre giorni, nei quali sostiene di esser stato lasciato senza cibo e con poca acqua, è stato rilasciato. Il giornalista ha annunciato di stare bene. Locatelli ha poi sostenuto che l’Italia ha fatto un grandissimo lavoro. Inoltre, ha fatto sapere che darà i dettagli di quanto gli è accaduto una volta rientrato in Italia.

Il ministero dell’Interno bielorusso ha fatto sapere che la polizia ha sparato sui manifestanti per difendersi dagli attacchi di un gruppo di cittadini definito “aggressivo”.

Potrebbe interessarti anche: Bielorussia, scomparso giornalista: “Pestato e preso dalla polizia”

F.A.