Stati Uniti, Trump assume quattro consulenti per battere Biden

Trump ha creato un super gruppo di consulenti allo scopo di battere Joe Biden nei confronti televisivi. Tra questi c’è anche l’ex governatore del New Jersey Chris Christie. 

Getty Images

L’agenzia Axios riporta che due settimane fa, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha organizzato un incontro riservato con alcuni suoi fedelissimi per impostare una strategia su come affrontare e battere il suo avversario Joe Biden nei prossimi confronti televisivi. Sembra che la riunione abbia sancito la creazione di un “ cerchio magico” di quattro persone che avranno il compito di aiutare il Tycoon in questo intento. Si tratta del genero Jared Kushner, il direttore della campagna elettorale Bill Stepien, il consigliere Jason Miller e l’ex governatore Chris Christie. Quest’ultimo sarà forse la figura più importante per Trump in vista delle prossime presidenziali. Christie infatti ebbe un ruolo chiave nella cavalcata elettorale che permise all’attuale presidente Usa di conquistare la Casa Bianca sconfiggendo Hilary Clinton. 

Leggi anche: Sparatoria vicino alla Casa Bianca: Trump interrompe conferenza stampa

Elezioni Usa, Trump riprende Christie: fu colui che permise di sconfiggere la Clinton

Getty Images

L’uomo infatti allenò personalmente Trump per i confronti televisivi, creando delle apposite simulazioni per preparare il Tycoon a qualsiasi evenienza. Axios riporta che il questo nuovo cerchio magico voluto da Trump, si incontrerà ogni dieci giorni per aggiornarsi sulla strategia da perseguire. Sembra inoltre che il gruppo non si avvarrà di nessun altra consulenza esterna allo scopo di preservare la riservatezza delle riunioni ed evitare fughe di notizie. Intanto nella serata di ieri ci sono stati momenti di tensione e paura all’interno della Casa Bianca. Trump infatti stava tenendo una conferenza stampa per aggiornare la popolazione sullo stato attuale della pandemia di coronavirus in America. La conferenza però è stata sospesa pochi minuti dopo il suo inizio. All’esterno della White House infatti si era verificata una sparatoria che ha convinto gli agenti della sicurezza a portare via il Tycoon dal luogo e rifugiarsi nel bunker presidenziale.

Leggi anche: Usa, un americano su tre non riesce più a pagare l’affitto