Scoperto il cognome più diffuso nella città di Milano: da non credere!

L’Anagrafe del capoluogo di Milano ha effettuato un interessante studio che ha portato alla luce il cognome più diffuso in città: il risultato è incredibile.

Neonato India
Neonato (photo Pixabay)

Incredibile ma vero: il cognome più diffuso a Milano, secondo i dati riportati dall’Anagrafe del capoluogo, è il cinese Hu. Quest’ultimo, come riporta Repubblica, ha infatti superato, sia tra gli uomini che tra le donne, il comunissimo cognome Rossi. La novità, nel corso del 2020, è arrivata proprio con il superamento all’interno della graduatoria femminile. Infatti, da quanto si apprende, tra i maschi il sorpasso era avvenuto già da tempo.

Invece, a metà 2020, il cognome Hu ha superato Rossi anche tra le donne. Il cognome cinese, infatti, è arrivato a quota 2.210, contro i 2.133 del cognome italiano. Con questo incredibile sorpasso, anche il totale, ha registrato un netto cambio di marcia. In generale, l’ammontare degli Hu a Milano è di 4.664, mentre il totale dei Rossi è di 4.006. C’è un terzo cognome, che si trova al terzo posto in questa particolare classifica. Si tratta del cognome Colombo, che, come riporta Repubblica, conta 1.543 maschi e 1.832 femmine. Al quarto posto si trova invece il cognome Ferrari.

Leggi anche >>> Alyssa Milano, appello per il Covid-19: “Guardate i miei capelli”

Milano: la classifica dei cognomi cambia, ma sui nomi ci si attiene alla tradizione

Neonato acqua bollente
Neonato (Foto: Getty)

Come Repubblica fa sapere, per quanto riguarda la scelta dei nomi, i genitori milanesi tendono a rimanere ancorati alla tradizione. I nomi più diffusi rimangono Leonardo, per i maschi, e Sofia e Giulia per le femmine. Sono 4.856 i nuovi nati dal primo gennaio al 30 giugno. Tra questi vi sono, infatti, 213 Leonardo, 108 Sofia e 106 Giulia. A seguire, ci sono 153 Tommaso, 123 Riccardo, 122 Alessandro, 120 Lorenzo, per i maschi. Per le femmine ci sono 90 Ginevra, 84 Alice, 79 Camilla e 79 Beatrice.

Potrebbe interessarti anche: Prezzi, Milano dopo il Covid non conviene. Il Sud invece sì

F.A.