Euthanasia Coaster, le montagne russe belle da morire

0
4

Euthanasia Coaster, le montagne russe che fanno morire di paura. Un progetto rimasto sulla carta negli ultimi 10 anni, vediamo come funziona

Euthanasia Coaster, montagne russe più pericolose al mondo (archivio Pixabay)

Si chiama Euthanasia Coaster, è un progetto talmente folle da sembrare quasi divertente anche se per ora irrealizzabile. Sono state ideate da Julijonas Urbonas, designer lituano, dieci anni fa e da allora tutto è rimasto solo su disegno e con un filmato che rendere perfettamente l’idea del loro scopo.

Far emozionare fino alla morte, letteralmente, perché lo scopo finale sarebbe proprio quello. Cioè provocare uno spavento tale che i passeggeri non potrebbero riprendersi dallo shock e troverebbero una fine rapida. Il suol ideatore, tra il serio e il faceto, diceva che poteva essere un buon modo per praticare l’eutanasia (da qui il nome). Oppure ancora una soluzione pratica per evitare il sovraffollamento nel mondo.

Montagne russe, paurose da morire (Pixabay)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Giappone, riaprono i parchi divertimento ma… è vietato urlare sulle montagne russe!

Euthanasia Coaster, sette giri della morte e una velocità di 360 km/h

Euthanasia Coaster, basta guardae il progetto e il suo sviluppo per capire che è fascinoso ma irealizzabile. Un’attrazione mortale, nel senso letterale della parola. Eppure Julijonas Urbonas ha presentato il modello per discutere il suo dottorato presso il prestigioso Royal College of Art di Londra. Disse che si trattava di un modo rude ma efficace per tenere sotto controllo l’aumento della popolazione e per praticare l’eutanasia raggiungendo il massimo del divertimento.

Queste montagne russe prevedevano una discesa di 500 metri per arrivare ad una velocità di 360 chilometri orari, anche meglio di una Formula 1. Dopo la discesa, ben sette giri della morte, a capo in giù, sempre più stretti e rapidi. Quasi impossibile uscirne vivi e infattio lo scopro sarebbe stato proprio quello. Da allora il progetto è rimasto tale e nessuno ha avuto nemmeno il coraggio di contattare il bizzarro designer. Ma se volete farvi un’idea, guardate il video che abbiamo postato. Fa male soltanto a vederlo, figuriamoci a salirci.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui