Home Curiosità Candele per la proposta di matrimonio, la casa prende fuoco

Candele per la proposta di matrimonio, la casa prende fuoco

Candele per proposta di matrimonio, un’idea romantica e senza tempo che però è diventata incredibilmente pericolosa per una coppia di giovani fidanzati. 

Candele casa in fiamme (via Pixabay)

Candele per rendere la casa più romantica e fare il grande passo. Era quella l’idea di un giovane ragazzo che oggi, in Inghilterra, ha creato un ambiente molto romantico per la sua fidanzata. L’uomo voleva creare una situazione indimenticabile, quasi da romcom, ma la cosa non gli è riuscita. Non del tutto almeno. A Sheffield un ragazzo di 26 anni ha preparato la casa nel modo migliore possibile per questo momento incredibile. E quindi l’abitazione è stata riempita di fiori, di addobbi e di suppellettili per rendere l’avvenimento ancora più incredibile. Prima di abbandonare l’abitazione ed andare a prendere la fidanzata dal lavoro, il 26enne Albert Ndreu ha accesso ben 100 candele, sparse in tutta la abitazione, per creare il mood necessario per rendere il tutto più bello.

LEGGI ANCHE —> Ecobonus, sono terminati i fondi: per agosto nuovi importi

Candele per la proposta di matrimonio, la casa prende fuoco

Una volta tornato a casa insieme alla sua bella fidanzata, però, il ragazzo ha trovato una sorpresa a sua volta. Quando i due sono rincasati, infatti, l’in tera abitazione era immersa in una palla di fuoco che abbracciava l’intero luogo. Immediatamente sono stati chiamati i vigili del fuoco e le autorità per salvare le persone che abitano vicino a loro. Il ragazzo ha dovuto spiegare cosa fosse successo, di fatto dovendo dire addio all’effetto sorpreso e anche a tutti gli averi che erano custoditi nell’abitazione. Un’idea fantastica sulla carta, che però non è andata come si programmava. L’unica cosa a scaldarsi nell’intera serata, infatti, sono stati gli animi e l’abitazione che i due dividevano. Chissà se continueranno a stare insieme.

LEGGI ANCHE —> Enel, continuano le segnalazioni di truffe: come riconoscerle