Coronavirus, Ricciardi suona l’allarme: “Rischio seconda ondata vicino”

L’Italia rischia una seconda ondata di Coronavirus già prima dell’autunno: questo è quanto sostenuto dall’esperto Walter Ricciardi nell’ambito di un’intervista.

Ricciardi trump salvini
Walter Ricciardi (photo screenshot da Facebook)

Le parole del consigliere del ministro della salute, Walter Ricciardi, suonano come un campanello di allarme: “L’Italia sta camminando sulla lama di un rasoio”. Il monito, raccolto da Skytg24, vuole essere un appello a tutti gli italiani a rispettare le regole, perché, visti i numerosi focolai che si stanno verificando in tutta la penisola, il rischio di una seconda ondata è concreto e questa potrebbe verificarsi già prima dell’autunno.

Il medico non si è risparmiato nell’offrire, nell’ambito della sua intervista a Repubblica, una situazione generale in merito al servizio sanitario italiano. Ricciardi ha infatti parlato di “buchi neri”. Nonostante l’Italia sia stata molto brava ad appiattire la curva dei contagi, il suo sistema sanitario presenta dei buchi da colmare. Tra questi cosiddetti “buchi neri”, il medico ha fatto riferimento alla “frammentazione” delle scelte da parte delle Regioni, delle Asl.

Leggi anche >>> Covid, Ricciardi: “Rischio zona rossa anche nei luoghi di villeggiatura”

Coronavirus, Ricciardi lancia l’appello: “Rispettiamo le misure di sicurezza”

Torino sartoria
L’utilizzo di mascherine è fondamentale (Pixabay)

Per il medico, il rispetto delle misure di sicurezza è fondamentale. Infatti, ciò che preoccupa maggiormente è l’avanzare dei vari focolai che si stanno verificando in tutto il Paese. Ricciardi apre poi a una riflessione: L’Italia, rispetto ad altri Paesi, ha ascoltato la scienza e questo è stato un fattore molto importante. Il virus, infatti, “è indifferente alla politica” e proprio lì dove si prendono decisioni divergenti alla scienza, l’epidemia riprende con più forza.

La ripresa dell’epidemia, ha concluso Ricciardi, le cui parole sono state riportate da Skytg24, ha un duplice effetto negativo. In primis, il danno più grande riguarda la salute, ma anche l’economia ne risulterebbe gravemente danneggiata.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus Usa, superati i 5 milioni di casi: 100mila morti in Brasile