Roma, l’ex M5S Quaresima: “L’omosessualità è colpa dei vaccini”

0
2

L’ex consigliere comunale del Movimento 5 Stelle ed ora con Gruppo Misto, Massimiliano Quaresma, si è lasciato andare a delle dichiarazioni alquanto discutibili sull’omosessualità ed i vaccini

Massimiliano Quaresima è un ex consigliere comunale prima facente parte del Movimento 5 Stelle ed ora del Gruppo Misto. Da sempre è noto nell’ambiente per le sue posizioni no vax, ma le sue ultime dichiarazioni sul tema appaiono alquanto discutibili.
“L’omosessualità è colpa dei vaccini e porta a morire perché non c’è procreazione”, dice ai microfoni del Corriere della Sera. “La situazione delle Lgbt va rivista. C’è anche una p da aggiungere, cioè pedosessuale, perché si parla di orientamento e non di amore”.

Aggrava inoltre la sua posizione nel momento in cui afferma che “andrebbe rivisto il motivo per cui, nel 1990, hanno derubricato l’omosessualità dalle malattie mentali”.

“Ho parlato con molti biologi e pare ci sia un incremento esponenziale dell’omosessualità a partire anche da persone molto giovani, quasi da bambini, da adolescenti. Diciamo che gli esperti affermano che potrebbe essere legato alla vaccinazione. Le cellule di feti abortiti diploidi femminili che modificano le informazioni, entrano poi nel corpo di questi bambini che così si trasformano”.

Il politico non manca di prendere in esame addirittura il presidente degli Usa, Donald Trump, di cui dice “sta cercando di contrastare questo nuovo orientamento, quello degli adulti sui bambini. Questo io non lo accetto come questa bonifica delle lobby lgbt che stanno distruggendo la famiglia”.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, governo toglie segreto di stato su relazioni comitato scientifico

Quaresima e le dichiarazioni sull’omosessualità, l’indignazione di Marrazzo

coronavirus vaccino

Il portavoce dell’associazione Gay Center, Fabrizio Marrazzo, ha commentato le deliranti parole di Quaresima. Ha bollato il tutto come “pura follia estiva”. Inoltre “queste frasi dimostrano quanto sia necessario insistere e integrare la legge contro l’omotransfobia che con il ‘Salva opinioni omofobe di Costa’ lascerà impunite frasi di questo tipo. Questa è discriminazione pura, non opinioni. E’ di vitale importanza emendare la legge contro l’omotransfobia almeno limitando le espressioni che vedono gli Lgbt come malati o inferiori. Ci appelliamo alle forze politiche della maggioranza”.

LEGGI ANCHE—> Zingaretti chiama Lamorgese, nessuna intenzione di sfiduciare il ministro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui