Cinquanta lingotti d’oro trovati a Marino, è il tesoro dei Mondiali di Italia90

0

Cinquanta lingotti d’oro che valgono 40 mila euro sono stati trovati a Marino e sono un omaggio per i mondiali di Italia90. Non sono mai stati ritirati.

Lingotto d'oro
Fonte Getty

Sono passati tre decenni dai mitici mondiali di Italia90, ma i tesori di quel campionato non smettono di saltare fuori. Ora è il turno dei 50 lingotti d’oro che la città di Marino aveva destinato alla nazionale azzurra nel 1990, lasciati nelle cassette di sicurezza di una banca senza mai essere stati riscossi.

Il Comune di Marino (provincia di Roma) deve decidere come utilizzare il tesoro di oro dal valore di 40 mila euro che ha scoperto. Il ritrovamento è stato reso possibile dall’intervista rilasciata dall’ex-sindaco Giulio Santarelli al quotidiano Il Tuscolò. Il politico nel 1990 aveva scritto anche al presidente della Repubblica per richiedere che il premio fosse consegnato all’allenatore della Nazionale, Azeglio Vicini.

Oggi il sindaco Carlo Colizza ha resto noto su Facebook di aver ritrovato l’oro destinato ai giocatori che nel 1990 erano stati in ritiro in un albergo di Marino e si erano allenati nello stadio del Comune.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Italia-Brasile, la rivincita della finale di Usa ’94: quando e dove si giocherà

Lingotti d’oro dal valore di 40 mila euro

I lingotti d’oro non sono mai stati riscossi dalla Nazionale e sono stati depositati in una banca. Dopo l’intervista dell’ex-sindaco, l’amministrazione comunale ha rintracciato il tesoro. Il peso dei lingotti è di 1,250kg e il livello di purezza è stimato in 750/1000.

Il valore dell’oro è cresciuto nel corso degli anni, tanto che ora il Comune di Marino si ritrova nuovi 40 mila euro nelle casse.

I mondiali di Italia90 sono stati l’edizione 14° del campionato della FIFA. Le quadre hanno giocato dall’otto giugno all’otto luglio del 1990 e quella vincitrice è stata la Gemania Ovest. La finale l’aveva vista contrapposta all’Argentina.

I mondiali di Italia90 sono anche tristemente noti per l’enorme quantità di opere incompiute che hanno riempito il Bel Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui