Ecuador, conflitto a fuoco tra bande rivali in carcere: 11 morti

In Ecuador, una violenta rissa scoppiata in un carcere a Guayaquil, ha provocato la morte di undici persone.

Getty Images

In Ecuador, nel carcere di Guayaquil, si è verificata una violenta rissa tra detenuti. Il bilancio è di undici morti e venti feriti. A confermare la notizia è stato il quotidiano nazionale El Commercio di Quito. Il giornale ha dichiarato di avere avuto accesso, nel ricostruire l’episodio, a delle fonti all’interno della Procura Generale dello Stato. Il giornale racconta come la rissa sarebbe iniziata a causa di uno scontro tra due bande rivali, i Los Lagartos e Los Choneros, per il controllo del carcere. Gli scontri che si sono sviluppati nell’istituto a causa di questa faida hanno raggiunto un grado di crudeltà inaudita. Due delle vittime sono state infatti bruciate vive. 

Leggi anche: Inghilterra, scoperta divisione militare segreta in Afghanistan

Ecuador, premier annuncia accordo su negoziazione titoli debito pubblico

Getty Images

Intanto nella giornata di ieri, il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno ha annunciato alla nazione che il suo esecutivo è riuscito a raggiungere un’intesa per rinegoziare i titoli del debito pubblico. Il paese è stato tra quelli più colpiti nel continente dall’epidemia di coronavirus. La Banca Centrale dell’Ecuador ha inoltre di recente pubblicato un report in cui afferma che a causa delle conseguenze della pandemia il paese registrerà una contrazione del Pil tra i 7 e i 9 punti percentuali. La situazione economica della nazione è critica sotto molti aspetti. Questa crisi arriva infatti in un momento in cui l’Ecuador deve ancora restituire quattro miliardi di dollari al Fondo Monetario Internazionale. Un prestito che si era reso necessario dopo che il paese lo scorso anno, era finito dentro una crisi economica molto profonda a causa del crollo dei prezzi delle materie prime. 

Leggi anche: Coronavirus, Iran: governo ha nascosto numero reale di morti