Covid-19, in Russia obbligo di mascherina sui mezzi: multate 42mila persone

Per contrastare il Covid-19, anche in Russia è obbligatorio indossare la mascherina sui mezzi di trasporto. Da metà maggio a metà luglio, sono stati multati 42mila passeggeri

covid-19 russia
Covid-19, in Russia obbligo di mascherina sui mezzi: multate 42mila persone (Getty Images)

La Russia è il quarto paese al mondo per numero di contagi da Covid-19. Superata quota 850mila positivi, la situazione continua a preoccupare il governo nazionale. Dallo scorso 15 maggio, è stato imposto l’obbligo di indossare la mascherina non solo nei luoghi pubblici al chiuso, ma anche sui mezzi pubblici.

Stando a quanto riportato dal vice capo dell’ente di controllo finanziario di Mosca Oleg Ivanov, non tutti starebbero seguendo le regole. Da metà maggio a metà luglio, infatti, ben 42mila passeggeri sono stati multati per non aver indossato la mascherina. In totale, il totale delle sanzioni ammonta a una cifra vicina ai 210 milioni di rubli, che in euro sono 2,43 milioni.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus contagio, la nuova teoria su Wuhan spiazza tutti

Covid-19, in Russia ci si prepara alla produzione di massa del vaccino: “Pronti a settembre”

covid-19 russia
Il governo russo è pronto a partire con la produzione di massa del vaccino (Getty Images)

La Russia vuole lanciare il suo vaccino per il Covid-19. Stando a quanto riferito dal ministro dell’Industria Denis Manturov all’agenzia di stampa TASS, già dal mese prossimo il governo vorrebbe partire con la produzione di massa. Dalle prime previsioni, si vorrebbe produrre “diversi milioni” di dosi entro la fine del 2021. Il medicinale scelto è quello preparato dall’Istituto Gamaleya di Mosca che, secondo quanto riportato dall’Agi, avrebbe già raggiunto fasi avanzate di sviluppo.

Siamo fiduciosi sull’avvio della produzione di massa dal mese prossimo, così da garantire diverse centinaia di migliaia di volumi di produzione al mese” ha spiegato il ministro Manturov: “Il vaccino sarà prodotto in tre siti diversi nella Russia centrale“. Già qualche mese fa, i ricercatori dell’istituto Gamaleya hanno iniziato con i test sull’uomo, iniettando il prototipo su loro stessi.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, Nas nelle Rsa di Como: sequestrate 363 cartelle