Coronavirus, focolaio a Mantova: sono 97 i casi in un’azienda

0
2

Visti i 97 casi positivi al coronavirus, è stato individuato un focolaio in un’azienda agricola di Mantova: la maggior parte è asintomatica

coronavirus mondo

Con 97 casi positivi al coronavirus, è stato individuato un focolaio in un’azienda agricola in provincia di Mantova. Ad annunciare la notizia è stato l’assessore al welfare della Lomabrdia, Giulio Gallera, che spiega come sia stato fondamentale il tracciamento regionale per individuarlo.

La segnalazione, comunque, era arrivata da parte del medico di famiglia di uno dei casi. Di tutti, tre hanno sintomi lievi mentre gli altri sono asintomatici.

Nella nota dell’assessore Gallera si legge: “Un accurato e tempestivo lavoro di tracciamento ed indagine dell’Ats della Valpadana, che ha attuato le linee guida emanate da Regione Lombardia, ha consentito di individuare e circoscrivere un focolaio Covid con 97 casi positivi in un’azienda agricola del Mantovano”.

LEGGI ANCHE—> Covid-19, bollettino del 4 agosto: aumentano contagiati e guariti

Focolaio a Mantova, fondamentale il tracciamento regionale

coronavirus vaccino

Come già accennato, a seguito della segnalazione del medico alla U.O.S. Malattie Infettive dell’Ats Valpadana, è stata attivata la procedura per disporre il tampone naso-faringeo nei confronti del sospetto caso che poi si è rivelato positivo. Da lì, è partita l’inchiesta epidemiologica per tracciare contatti stretti sia a livello familiare che lavorativo ed individuare le fonti del contagio.

Si è quindi scoperto che lavorava presso uno stabilimento agricolo e sono stati allertati proprietario dell’azienda ed medico per confermare le informazioni sui contatti lavorativi ed approfondire gli aspetti riguardanti il ruolo del paziente per organizzare lo screening a tappeto con i dovuti tamponi agli impiegato dello stabilimento.

“Sono stati sottoposti al tampone i 250 dipendenti e l’analisi, fino ad ora condotta su 172 lavoratori, ha evidenziato la positività di 96 persone oltre al caso ‘indice’ che aveva dato origine all’indagine”.

L’attività di screening continuerà domani mattina e richiederà l’intervento dei medici delle Usca di Mantova, Suzzara e Viadana, per testare i rimanenti lavoratori dell’azienda.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, Nas nelle Rsa di Como: sequestrate 363 cartelle

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui