CONDIVIDI

Rispondere in chat di Whatsapp con i comandi vocali è possibile ed anche abbastanza semplice: scopriamo com’è possibile fare

Whatsapp inviare

Molto spesso non ci accorgiamo che Whatsapp ci mette a disposizione diversi trucchi perché non sono messi in risalto. Tra questi c’è quello che permette di rispondere nelle chat senza dover toccare il proprio smartphone. WA, così come Google, di chiamare e videochiamare senza utilizzare le mani grazie all’assistente vocale. In linea di massima dobbiamo sempre utilizzare quello del colosso di Mountain View ma possiamo scegliere se chiamare normalmente o con Whatsapp.

LEGGI ANCHE—> Halo Infinite, multyplayer gratis e a 120FPS: è ufficiale

Paste the following code before the "" or "" tag

Whatsapp, la procedura per chiamare con l’assistente vocale

WhatsApp novità

Come fare? Impostate la vostra voce per l’assistente Google se non l’avete ancora fatto. Successivamente dite la fatidica frase “Ok Google” e dopo qualche secondo l’assistente si attiverà. A quel punto vi basterà dire “Chiama con Whatsapp” ed il nome del contatto di cui avete bisogno. Se volete fare una videochiamata, invece, basterà dire “Fai una videochiamata Whatsapp” ed in aggiunta sempre il nome del contatto che desiderate.

A coloro che chiamate più frequentemente potete anche affibbiare dei nickname così la procedura sarà ancor più rapida. Un ottimo modo per evitare di prendere il cellulare in mano alla guida ed evitare incidenti.

Ogni anno, infatti, si registrano sempre più incidenti a causa dell’utilizzo del cellulare durante la guida. Secondo i dati dell’ISTAT, nell’ultimo anno sono stati 36 mila gli incidenti, valevoli per il 16,2% del totale, dovuti alle distrazioni causati dagli smartphone. Di regola, non è vietato parlare al cellulare mentre si sta guidando ma bisogna utilizzare il vivavoce o gli auricolari con solo un orecchio occupato dal dispositivo, mentre l’altro dovrà restare libero per permettere di captare suoni esterni.

LEGGI ANCHE—> Whatsapp, impossibilitati a mandare sticker animati: spiegato il perché