CONDIVIDI

India, arrestato finalmente il killer dei tassisti. Dopo sei mesi di fuga, l’uomo è stato fermato Nuova Delhi dove ha confessato l’omicidio di almeno 50 autisti. 

India, arrestato il serial killer dei tassisti. L’uomo, un medico di 62 anni, ha ammesso di aver uccisi almeno 50 per poi gettarne i corpi in un canale pieno di coccodrilli. La sua storia sfiora il surreale e sembra quasi un film horror, ma è pura verità. In fuga da sei mesi dopo aver violato la libertà vigilata, l’uomo è stato finalmente arrestato.

Taxi
 (via Pixabay)

Arrestato il killer dei tassisti in India

Il suo nome è Devender Sharma, ed è un ex direttore di una clinica dello stato di Rajasthan. Come spiega India Today, il soggetto era stato già condannato all’ergastolo nel 2004. Tuttavia, dopo aver scontato 16 anni di reclusione, gli fu concesso la libertà vigilata che ha poi appunto violato senza più rientrare in carcere.

Potrebbe interessarti anche —-> Nicaragua choc, bomba in cattedrale: “Atto terroristico”

Due giorni fa, dopo delle continue ricerche durate imperterrite per un intero semestre, è stato finalmente fermato a Nuova Delhi dove stava vivendo con la nuova compagna. Interrogato, il medico ha poi confessato una serie di reati choc che vanno oltre all’assassinio di taxisti.

L’uomo ha ammesso vendita illegale di lacrimogeni, traffico di reni e pezzi automosbilistici. Ed era per questo che uccideva i vari autisti. Dopo essersene liberato, vendeva intere auto o pezzi di ricambio.

Leggi anche —-> Belgio, scoperto traffico internazionale di cherosene rubato alla Nato