CONDIVIDI

Crema, una donna si suicida dandosi fuoco in un campo, ma solo una persona cerca di soccorrerla mentre altri ‘spettatori’ pensano solo a filmare

Arezzo omicidio bimba 4 anni
Crema, donna si dà fuioro e muire tra l’indifferenza dei passanti (Websource)

Crema, un dramma della disperazione diventa anche il modo per una riflessione profonda sul comportamento umano. Oggi attorno all’ora di pranzo una donna si è data fuoco e per le gravi ustioni è deceduta. Ma è successo anche altro, come raccionta una testimonianza diretta di chi ha assistito e poi ha girato tutto alla sindaca, Stefania Bonaldi.

Proprio lei, con un lungo post su Facebook, ha spiegato quello che era successo. Attorno alla donna che si è suicidata in quel modo dramnmatico c’erano anche altre persone. Ma solo un  passante, che transitava di lì con la moglie, ha cercato di prestarle subito soccorso. Altri invece sarebbero rimasti fermi in un ristorante lì vicino filmando la scena con i loro cellulari.

Solo qualche minuto dopo è intervenuta un’altra persona che imbracciava un estintore, mentre lui a disposizione aveva solo un asciugamano, Tutto questo, come i soccorsi che sono arrivati successivamente, non è riuscito a salvare la vita della donna. E i curiosi hanno fatto capolino soltanto a fatti conclusi, quando le fiamme era no state spente.

Paste the following code before the "" or "" tag

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Autostrada A14, panico al viadotto Cerrano: 27enne minaccia il suicidio

Donna suicida nell’indifferenza generale, la sindaca di Crema si indigna

Stefania Bonaldi, sindaca di Crema (Getty Images)

Stefania Bonaldi ha riportanto integralmente le parole dell’uomo che ha provato a soccorrere la suicida, dopo essersi consultata con lui. E solo l’inchiesta, che è già stata aperta, riuscirà a chiarire i motivi che hanno portato ad uin gesto estremo. Ma quella testimonianza è raggelante e apre riflessioni profonde.

Ognuno è fatto a modo suo, sottolinea la sindaca, e non tutti possono avere il sangue freddo per intervenire. Ma pensare che molte persone invece di interessarsi al loro prossimo hanno trivato solo il tempo per imbracciare il loro cellulare, allora è drammatico.

“Cosa siamo diventati? E se quella donna fosse stata nostra figlia, sorella, moglie, madre? Cosa può renderci così insensibili e distaccati verso la sofferenza degli altri? Perché questa indifferenza?“, conclude la sindaca. Da un a parte un “buon samaritano”, dall’altra gli altri. E per Crema, spiega lei, non è un buon giorno.