Coronavirus Brasile, oltre 91mila vittime: in GB nuove restrizioni

Continua a far paura il Coronavirus in Brasile, con il paese che ha superato le 91mila vittime. In Gran Bretagna arrivano nuove restrizioni.

Coronavirus Brasile
Aumenta il numero di decessi nel paese sudamericano (Getty Images)

Non si ferma l’emergenza Coronavirus in Brasile. Infatti nel paese governato da Jair Bolsonaro, restano drammatici i dati della pandemia, con il conteggio delle vittime che continua a salire. Ad oggi, il numero di decessi per Coronavirus ha superato quota 91mila, con un tasso di contaggio altissimo e ben 1,379 vittime solamente nelle ultime 24 ore.

Una situazione, quella sanitaria, che rischia di far crollare il colosso sudamericano. Infatti al momento, come riportano i dati della John Hopkins University, sono ben 4,5 milioni il totale delle persone contagiate nel paese brasiliano. La drammatica situazione sanitaria, però si sta espandendo in tutto il continente americano, con il Messico che nelle ultime ore è diventato il terzo paese più colpito dal virus. Infatti con oltre 46mila decessi causati dalla pandemia, il Messico è riuscito a superare la Gran Bretagna.

Coronavirus, dal Brasile alla Gran Bretagna: Johnson pronto ad imporre nuove restrizioni

Coronavirus Gran Bretagna
Boris Johnson pronto a stabilire nuove restrizioni (Getty Images)

Intanto la situazione si sviluppa anche in Gran Bretagna. Dopo il sorpasso del Messico, il paese britannico è sceso al quarto posto nella classifica delle nazioni più colpite dal virus. La situazione resta critica anche nel paese anglosassone, con il primo ministro Boris Johnson che ha deciso di imporre nuove restrizioni.

Le limitazioni di Johnson, però, riguarderanno solamente la parte settentrionale dell’Inghilterra, una delle zone più colpite dal Covid-19. Ad annunciare le nuove misure ci ha pensato Matt Hancock, segretario della salute, che ha imposto le nuove restrizioni per le zone dell’East Lancshire, del West Yorkshire e Leicester. In queste zone, non potranno avvenire assembramenti in luoghi al chiuso, il tutto per fermare la crescente onda epidemica.

Per la prima volta vengono applicate delle restrizioni per un area geografica così estesa che ospita, tra l’altro, milioni di famiglie. Come afferma lo stesso Hancock, la misura è stata imposta per frenare l’aumento della velocità di trasmissione del virus, dovuto al mancato rispetto del distanziamento social. Vedremo se nei prossimi giorni le restrizioni saranno estese a tutto il paese o se continueranno ad esserci solamente al Nord dell’Inghilterra.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca Estera, CLICCA QUI !