CONDIVIDI

Scuola, in caso di lockdown gli istituti dovranno comunque garantire agli studenti un monte ore minimo per continuare a fare imparare i più giovani. 

Scuola on-line
Scuola on-line (photo Gettyimages)

Non è assolutamente improbabile che ci possa essere un nuovo lockdown in Italia se i casi legati al Covid-19 continueranno ad aumentare. Il governo è attentissimo e vuole ovviamente prendere tutte le precauzioni del caso per mantenere comunque un certo controllo sulla situazione anche se le cose si metteranno per il peggio. Proprio per questo, nelle ultime ore, una proposta è stata abbozzata dal governo per cercare di controllare la scuola. Perché garantire ai più giovani il diritto all’educazione non è solo importante, ma fondamentale, per il presente e per il futuro della nazione. Proprio per questo il disegno di legge prevede che gli istituti garantiscono un monte ore minimo ai propri studenti di lezioni online in caso di nuovo lockdown.

Paste the following code before the "" or "" tag

LEGGI ANCHE —> Open Arms, Salvini andrà a processo: Senato favorevole

Scuola, in caso di lockdown garantito orario minimo: il piano

Secondo le ultime notizie, le ore da garantire sarebbero divise per fasce. Le scuole elementari dovranno garantire almeno 10 ore di lezioni settimanali, le medie dovranno garantirne 15 e 20 le scuole superiori. Parliamo ovviamente di orari minimi garantiti, ovvero di un numero di ore sotto i quali gli istituti non potranno legalmente andare per non incorrere in sanzioni e problematiche varie. Pertanto, in caso di lockdown, è lecito aspettarsi che gli istituti forniscano molte più ore di lezioni ai propri studenti, per cercare di formare oggi i cittadini del domani. Ora tutto è nelle mani del governo e soprattutto della popolazione. Sta i cittadini italiani evitare che il coronavirus possa tornare ad affermarsi con prepotenza in tutto il Paese, con tutto ciò che ne consegue. L’attenzione deve essere massima e l’allerta alta.

LEGGI ANCHE —> “Un calciatore di Serie A mi ha picchiata”, la denuncia della donna