Donald Trump la spara grossa: “Sarebbe meglio rinviare le elezioni”

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sul proprio profilo Twitter ha lanciato la possibilità di rinviare le elezioni: la clamorosa richiesta

Trump

L’attuale presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sul proprio profilo Twitter ha lanciato la proposta di rinviare le elezioni per evitare frodi. “Fare un’elezione dove si vota solo per posta sarebbe inaccurata e fraudolenta e, per gli USA, sarebbe un grande imbarazzo”. Poi si chiede: “Non sarà il caso di posticiparla fin quando si potrò votare in modo sicuro e corretto???”. Il messaggio con tanto di tre punti interrogativi che mostrano la fermezza del tono del messaggio.

Ma chissà se l’attuale presidente non abbia lanciato la proposta con il timore di perdere le prossime elezioni che vedono al momento in vantaggio Joe Biden di almeno otto punti.

LEGGI ANCHE—> Usa ritirano soldati dalla Germania, Trump: “Si approfitta della Nato”

Donald Trump ed il cambio data delle elezioni: difficile l’approvazione da parte della Camera

Donald Trump

Il tweet di Trump è arrivato dopo che il Dipartimento del Commercio ha pubblicato i dati economici che vedono gli Usa entrare in recessione nel secondo semestre con il Pil a -32,9. Questo, a conti fatti, è il risultato peggiore dal 1946.

Comunque perché si cambi la data delle elezioni, serve che il Congresso approvi la proposta. In realtà, però, difficilmente accadrà anche perché la Camera è sotto il controllo dei democratici. Per legge, dunque, il mandato presidenziale si esaurisce sempre il 15 gennaio. Se non vi sono state nuove elezioni, nessuno può restare ad oltranza alla Casa Bianca.

With Universal Mail-In Voting (not Absentee Voting, which is good), 2020 will be the most INACCURATE & FRAUDULENT Election in history. It will be a great embarrassment to the USA. Delay the Election until people can properly, securely and safely vote???

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) July 30, 2020

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, gli Usa arrivano a 150mila morti: la reazione di Trump