CONDIVIDI

Nella giornata di domani ci sarà il lancio di Mars 2020, una missione della Nasa che si affianca alle sonde appena lanciate da Cina e Emirati Arabi. 

Getty Images

Nella giornata di domani 30 Luglio, è previsto il lancio di Mars 2020, una missione della Nasa sul pianeta rosso, che si affianca alle recenti sonde lanciate da Cina e Emirati Arabi. Lo scopo della missione spaziale americana è quella di studiare ancora meglio Marte e rintracciare eventuali tracce di vita passata. Il costo complessivo della spedizione si aggira intono ai 2,7 miliardi di dollari. Una ricerca dettata anche dai risultati di uno studio condotto dalla new York University e pubblicata sulla rivista Scientific Reports. In questa i ricercatori hanno ipotizzato che nel sottosuolo del pianeta, potrebbero essere riscontrate le condizioni affinché si sviluppi vita. 

Leggi anche: Cina, lanciata la sonda Tianwen 1: è diretta su Marte

Paste the following code before the "" or "" tag

Marte, la ricerca della new York University

Getty Images

Per giungere a questa considerazione, gli studiosi hanno incrociato simulazioni e dati raccolti da missioni passate. Un’altra ipotesi avanzata dai ricercatori è che le radiazioni cosmiche, grazie anche alla loro capacità di penetrare nel sottosuolo, siano in gradi di scatenare delle reazioni chimiche in grado di generare vita. L’arrivo su Marte del rover americano dovrebbe avvenire intorno a febbraio del 2021. La sonda atterrerà su un cratere denominato Jezero, che in passato ospitava un fiume a forma di delta. Il rove denominato Perseverance, esplorerà il pianeta per circa due anni e raccoglierà dei campioni dal terreno che saranno poi studiati in seguito sulla terra.

Leggi anche: Marte, scoperta rivoluzionaria: un fungo da Chernobyl permette sopravvivenza