Camera, approvata proroga stato di emergenza

La camera ha approvato la proroga dello stato di emergenza. In mattinata, il premier Conte ha tenuto un discorso per giustificare la scelta del governo. 

Getty Images

L’aula della Camera ha approvato la risoluzione presentata dalla maggioranza di governo per prolungare lo stato di emergenza fino alla data del 15 ottobre. La mozione è passata con 286 voti a favore, 221 contrari e 5 astenuti. Nella mattinata di oggi, il premier Giuseppe Conte si era presentato alla Camera per giustificare la scelta dell’esecutivo. Conte ha definito la proroga come una scelta inevitabile, ponderata sulla base di valutazioni esclusivamente tecniche. Ha respinto seccamente le accuse dell’opposizione di voler attentare alla libertà degli italiani, spiegando che il suo governo non “vuole fare un uso strumentale per atteggiamento liberticida, reprimere il dissenso o ridurre la popolazione in uno stato di soggezione. Sono affermazioni gravi che non hanno nessuna corrispondenza nella realtà”. Ha poi aggiunto che l’opposizione non deve ingannare la cittadinanza al riguardo in quanto “oggi sui social c’è qualche cittadino convinto che prorogare lo stato d’emergenza significhi rinnovare il lockdown dal primo agosto. Non è affatto così”. 

Leggi anche: Salvini: “Giovedì sarò processato per aver difeso i confini. Ma lo rifarei”

Proroga Stato di emergenza, le parole di Giorgia Meloni

Getty Images

Il premier ha continuato nel suo intervento assicurando che il governo non sta pensando di introdurre nuove misure restrittive. Ha poi dichiarato che “la dichiarazione di proroga dello stato di emergenza non lede la nostra immagine all’estero, anzi: l’Italia viene vista come un paese sicuro”.  Le critiche delle opposizioni a questo discorso del premier, non sono tardate ad arrivare. Giorgia Meloni ha definito la proroga dello stato di emergenza come un fatto gravissimo, definendolo come “il tassello di una deriva liberticida che il governo ha messo in campo con la scusa del Coronavirus non c’ è altra ragione”. Con questa mossa a suo parere, la maggioranza vuole consolidare il proprio potere politico evitando regole e controlli.

Leggi anche: Confermato lo stato d’emergenza, Conte: “Scelta inevitabile”