CONDIVIDI

Caffé sacro, è questo quello che dice l’ultimo editto promulgato dal presidente del Costa Rica, piccolo stato latino che fa della produzione della bevanda la colonna portante della propria economia.

Caffeina obesità
(da Pixabay)

Il caffè è una pianta senza dubbio molto particolare. Per crescere forte e rigogliosa ha bisogno di determinati climi, di certi terreni e di un’importante aiuto da parte dell’uomo. Le bacche di caffè sono delicate e devono essere trattate con massimo rispetto, così come i preziosissimi chicchi che si producono dalla pianta. L’esportazione del caffè in tutto il mondo, con l’utilizzo sempre maggiore da parte della popolazione di ogni angolo della Terra, ha portato dei Paesi dell’America Latina a specializzarsi nella sua produzione. Il presidente del Paese, Carlos Alvarado, ha promulgato con una legge approvata dal Parlamento una legge che trasforma il caffè in un simbolo sacro per tutti i cittadini.

Paste the following code before the "" or "" tag

LEGGI ANCHE —> Giappone, robot di oltre 18 metri compie i suoi primi passi – VIDEO

Caffé sacro in Costa Rica, lo dice una nuova legge statale

Il Costa Rica è senza dubbio uno Stato piccolo, ma è comunque molto importante sul mercato globale per la produzione delle bacche e dei chicchi da cui ricavare per infusione la bevanda. Proprio per la sua importanza nell’economia del Paese, per la cultura che si è creata attorno ad esso, il caffè è stato dichiarato simbolo patrio e quindi sacro per il Costa Rica. Un riconoscimento incredibile, che eleva non solo la pianta, ma anche tutte le procedure attorno ad essa ad un nuovo stadio. Un patrimonio, insomma, più che un qualcosa da cui trarre profitto, un’arte più che un lavoro, un rito più che una bevanda. Da oggi la bevanda nera è sacra in Costa Rica, con tutto quello che questo significa.

LEGGI ANCHE —> Jeff Bezos: maxi donazione dell’ex moglie a organizzazioni no profit