Iran, scoperta finta nave Usa nello stretto di Hormutz

In Iran, un satellite americano ha fotografato quella che si ipotizza essere una finta nave Usa parcheggiata nello stretto di Hormutz. 

Getty Images

La scoperta fatta da un satellite di proprietà della Maxar Technologies, un’azienda con sede in Colorado specializzata in missioni spaziali, rischia inevitabilmente di portare all’estremo le tensioni geopolitiche già esistenti tra Iran e Usa. Il satellite ha infatti scoperto una nave da guerra parcheggiata nello stretto di Hormuz. La nave in questione sembra incredibilmente simile alla classica portaerei in dotazione alla Marina Militare Usa. E adesso, l’ipotesi è che sia stata piazzata lì dal governo di Teheran con lo scopo di affondarla e creare un nuovo casus belli. Inoltre, il satellite della Maxar Technologies ha fotografato anche un motoscafo iraniano vicino alla nave. Sky news ha fatto sapere che al momento l’Iran non ha fornito alcuna spiegazione ufficiale sulla presenza di questa nave nello stretto. 

Leggi anche: Perù, 900 donne scomparse in quarantena: tremendo motivo alla base

Iran, finta nave Usa: le dichiarazioni della portavoce della Marina americana

Getty Images

Sky però ipotizza che la Guardia Iraniana abbia piazzato lì questa finta nave Usa, con lo scopo di abbatterla e alzare il livello dello scontro con gli Stati Uniti. Rebecca Rebarich, portavoce della quinta flotta della Marina Militare Usa, ha dichiarato che “non possiamo parlare di quali vantaggi l’Iran si aspetti di trarre attraverso la costruzione di questo modello, nè di quale sarebbe il valore tattico che l’Iran spera di ottenere utilizzando un tale modello in uno scenario di addestramento o di esercitazione”.

Iran, i misteriosi incendi iniziati a luglio

A partire da inizio luglio, in Iran hanno cominciato a verificarsi degli incendi dolosi in molte zone nevralgiche del paese. L’ultimo episodio riguarda il rogo di sette navi nel Golfo Persico. Il governo di Teheran aveva inizialmente escluso la possibilità che questi incendi fossero opera di sabotaggi politici esterni al paese. Con il passare del tempo però, l’esecutivo iraniano ha cambiato idea e ha iniziato ad accusare apertamente Israele e Stati Uniti.

Leggi anche: Spagna, premier Sanchez critica quarantena imposta dall’Inghilterra