Proteste USA, 45 arresti e 21 feriti a Seattle: un morto in Texas

Proteste USA, poche ore fa ci sono stati non pochi disordini nelle città americane con il movimento Black Lives Matter che continua a lottare per strada.

Non si sono di certo placati tutti i rappresentanti ed i militanti del movimento Black Lives Matter. Malgrado la situazione legata al Covid-19 peggiori negli Stati Uniti d’America giorno dopo giorno, il movimento continua a lottare. E, per certi versi, si può anche sostenere che lotti anche grazie al coronavirus. Lo scopo del Black Lives Matter è infatti quello di mettere pressione al Governo e alle autorità americane e mondiali affinché il modo in cui le persone di colore vengono trattate cambi radicalmente. Un’uguaglianza che, a detta loro, è puramente scritta su carta ma non trova mai la realizzazione nella vita di tutti i giorni. Basti pensare a quanto accaduto a George Floyd, massacrato dalla polizia in piazza, davanti a tutti.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, lutto per la nazionale di calcio ucraina: è morto il medico

Proteste USA, 45 arresti e 21 feriti a Seattle: un morto in Texas

Nelle ultime ore la situazione è diventata molto difficile. Secondo i reportage della CNN, infatti, ci sarebbero stati tantissimi feriti e persino un morto. Le proteste di Seattle, nello stato di Washinghton, hanno causato ben 45 arresti e 21 feriti tra le forze dell’ordine. Qui i protestanti hanno agito in modo molto violento e accesso contro la polizia, con il dente avvelenato per gli anni di soprusi e razzismo che le forze dell’ordine avrebbero esercitato contro la popolazione di colore. In Texas, precisamente ad Austin, le cose si sono messe male. Al punto che una colluttazione tra un protestate e un poliziotto è finita con la morte del cittadini di colore. Una situazione che di giorno in giorno peggiora in modi sempre diversi ed incredibili.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, Crisanti: “Italia attenta, possibili rialzi già ad agosto”