Reggio Emilia, non rispettavano norme anti-Covid in auto: maxi multa

Reggio Emilia: maxi multa da oltre 500 euro per cinque persone che non rispettavano le norme anti-Covid in automobile. L’autista è risultato anche positivo all’alcol test.

Carabinieri Coronavirus
Carabinieri (Getty Images)

Reggio Emilia, cinque persone viaggiavano in automobile, senza alcun dispositivo di sicurezza. Fermati dalle autorità hanno ricevuto una maxi multa di 2.666 euro complessivi, ovvero 533 euro a persona. Come ricorda Virgilio Motori, se si viaggia in automobile con persone non conviventi, si può stare al massimo in tre persone e con mascherina di protezione. Da quanto si apprende, il conducente è risultato anche positivo all’alcol test. Immediato il ritiro della patente di guida.

I Carabinieri che hanno fermato l’automobile, si sono accertati che nessuna delle cinque persone portava il dispositivo di sicurezza. Nonostante i contagi nel nostro Paese siano in calo, questo non significa che si è nella condizione di non rispettare le regole, che restano ancora, rigidamente, in vigore.

Leggi anche >>> Festa di addio al Covid-19 finisce in tragedia: 68 nuovi contagiati

Reggio Emilia: oltre 500 euro di multa perché non rispettavano le norme anti-covid in auto

ilaria cucchi carabinieri
I Carabinieri hanno fermato e multato cinque persone a Reggio Emilia (photo Pixabay)

Come ricorda Virgilio, si può andare in automobile in cinque persone solo se questa è omologata per sette. Mentre per le classiche macchine a 5 posti, il massimo di persone non conviventi che possono salire è tre.

Come riporta Bologna Today, in Emilia Romagna si sono registrati 29.413 casi di positività al Covid-19. Nelle ultime 24 ore, il numero di contagiati è salito di 63 unità. Di questi ultimi, 47 si concentrano nelle province di Modena, Bologna, Reggio Emilia e Rimini. Da quanto si apprende, i nuovi casi provengono da focolai già conosciuti e su cui le autorità stanno già lavorando. Solo a Bologna, ad esempio, i casi sono legati a un focolaio già noto all’interno di un’azienda della logistica. I nuovi casi sono stati identificati grazie al servizio di screening per i lavoratori.

Potrebbe interessarti anche: Bologna, bravata hot di un 24enne: porno trasmesso in piazza Maggiore

F.A.