Gorizia, bimbo morto nel pozzo: emessi 14 avvisi di garanzia

Gorizia, bimbo morto nel pozzo: emessi 14 avvisi di garanzia. Le indagini riguardano i responsabili del centro estivo e i proprietari della struttura

Bimbo morto in un pozzo
Gorizia, bimbo morto nel pozzo: emessi 14 avvisi di garanzia (Foto: Facebook)

La vicenda del bambino morto nel pozzo del parco Coronini di Gorizia continua a far discutere. Il tragico evento, accaduto lo scorso 22 luglio, è tutt’altro che archiviato e si continua a cercare di far chiarezza sull’accaduto. Il piccolo Stefano, di 12 anni, era in gita con il centro estivo presso l’area verde nel centro della città friulana. Dopo essersi allontanato dai suoi compagni, era finito per scivolare in una gola profonda 30 metri, per di più secca, senza acqua l’interno.

La morte purtroppo è avvenuta sul colpo e i tentativi di salvataggio operati dai vigili del fuoco sono stati vani. Il corpo è stato estratto qualche minuto dopo, privo di vita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gorizia, morto un bambino di 12 anni: era caduto in un pozzo

Gorizia, bimbo morto nel pozzo: emessi 14 avvisi di garanzia

Bambino morto nel pozzo
Gorizia, bimbo morto nel pozzo: emessi 14 avvisi di garanzia (Foto: Facebook)

Il piccolo Stefano Borghes era un grande appassionato di calcio e giocava nelle fila della squadra Esordienti di un team goriziano, l’U.S. Azzurra. Era salito anche alla ribalta delle cronache per aver vinto un premio Fair-Play qualche tempo fa per aver rinunciato a segnare un gol per soccorrere il portiere rimasto dolorante a terra (ricordate Di Canio?, ndr). Purtroppo in questa circostanza i soccorsi nei suoi confronti non sono stati sufficienti.

La procura di Gorizia ha aperto un’inchiesta per far luce sulla tragedia e ha emesso 14 avvisi di garanzia diretti ai responsabili del centro estivo che aveva in custodia i ragazzi, oltre alla fondazione proprietaria del parco Coronini Cronberg.

L’autopsia sul corpo del bambino verrà effettuata lunedì prossimo e gli indagati avranno la possibilità di nominare dei periti per assistere all’atto irripetibile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gorizia choc, 12enne muore cadendo in un pozzo di 30 metri