Gentiloni: “Il Mes conviene, l’Italia lo usi. Soldi del Recovery nel 2021”

Paolo Gentiloni, commissario Ue per l’economia, ha fatto il punto sulle principali questioni economiche sul tavolo dell’Italia: dal Recovery Fund al Mes, passando per digital tax e tassa sulle emissioni di CO2

Il commissario Ue per l’Economia, Paolo Gentiloni, in un’intervista ai microfoni de La Repubblica ha fatto il punto sulle principali questioni economiche che riguardano l’Italia e più in generale l’Unione Europea.

Ricapitolando, qualche giorno fa è stato trovato l’accordo per il Recovery Fund tra gli Stati membri dell’Ue. Il piano prevede un complessivo di 750 miliardi, di cui 208 destinati al nostro paese. “Le erogazioni del Recovery Fund inizieranno nella seconda metà del 2021, fatta eccezione per un 10% (28 miliardi) che verrà anticipato a seguito dell’approvazione del piano”.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus Usa, 76.500 nuovi casi in 24 ore: altro record negativo

Gentiloni: “Vanno approvate la digital tax e la tassa sulle emissioni”

Cassa integrazione

Quella del Recovery Fund non è l’unica sfida sul tavolo del governo ma, dice Gentiloni “c’è una terza sfida importante, anche se non immediata. Dovremo riuscire ad approvare nuove risorse proprie dell’Unione come la digital tax e la tassa sulle emissioni di CO2. Queste serviranno per rimborsare il debito comune tra il 2026 ed il 2056. Diversamente, i singoli stati dovranno restituire il denaro poiché l’Ue non è riuscita a rimborsare il debito comune”.

Gentiloni ritorna anche sul MES e ne ribadisce la sua convenienza andando controcorrente rispetto al premier Conte ed il Movimento 5 Stelle che si dicono contrari. “Il paese che può trarre dei vantaggi dal Mes, che fa parte di un pacchetto di prestiti, è proprio l’Italia. Abbiamo eliminato le linee di credito con le vecchie condizionalità macroeconomiche, ora è chiaro che diventa un vantaggio visti i nuovi tassi d’interesse”.

LEGGI ANCHE—> Manuel Bortuzzo, pena ridotta in Appello per i due aggressori