5 per mille, Airc in cima alla classifica: è l’Ente più scelto dai contribuenti

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato gli elenchi del 5 per mille dove l’Airc si conferma come l’ente che ha ricevuto maggior contributi dagli italiani

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato gli elenchi riguardante la destinazione del 5 per mille del 2019 con i primi dati riguardanti le preferenze dei contribuenti nelle dichiarazioni dei redditi. L’Airc (Associazione Italiana per la ricerca sul cancro) si conferma come l’ente a cui vengono destinate più risorse.

Addirittura, risulta essere al primo posto sia nella classifica riguardante gli enti del settore della ricerca sanitaria, sia nella ricerca scientifica. Per la sanità, le scelte sono più di 412mila con una somma totale di oltre 18 milioni e mezzo. Riguardo la ricerca scientifica i contribuenti che hanno scelto l’Airc sono più di un milione per un totale di oltre 40 milioni di euro come benefici. A questi 58,6 milioni complessivi, si aggiungono anche i 7,7 riguardanti la categoria del volontariato.

LEGGI ANCHE—> Gualtieri: “Con il prossimo decreto ci saranno incentivi per le assunzioni”

5 per mille, il 60% dei contribuenti non effettua una scelta

Agenzia delle Entrate
Agenzia delle Entrate (via WebSource)

Gli enti a cui si può destinare il proprio 5 per mille sono più di 58 mila e si dividono in diversi settori: volontariato (47.522), ricerca sanitaria e scientifica (500), associazioni sportive dilettantistiche (10.372), beni culturali e paesaggistici (112) ed enti gestori delle aree protette (24).

Il 60% dei contribuenti, comunque, non fa una scelta in merito alla destinazione del 5 per mille. Le ragioni principali riguardando i dubbi che assalgono le persone, alcuni addirittura credono sia una tassa. In realtà si tratta di destinare una parte di quanto viene versato all’erario. I dati dell’Agenzia delle Entrate riferiscono che il valore medio del 5 per mille per contribuente è di 30 euro. Se tutti i contribuenti effettuassero una scelta, sarebbero circa 900 i milioni che andrebbero nelle casse delle attività sociali.

LEGGI ANCHE—> Gentiloni: “Il Mes conviene, l’Italia lo usi. Soldi del Recovery nel 2021”