Covid, 3 ragazzi contagiati a Capri: scattano i controlli sull’isola

Tre ragazzi di Roma sono risultati positivi al Covid questo weekend durante il loro soggiorno a Capri e sull’isola scattano i controlli epidemiologici

piazzetta capri
piazzetta Capri (fotocomunity.it)

Tre ragazzi di Roma sono risultati positivi al Covid dopo aver trascorso una vacanza sull’isola di Capri. I giovani facevano parte di una comitiva composta da 8 persone che si trovava in vacanza sull’isola soggiornando presso una casa vacanze. A darne notizia è l’Asl Napoli 1 che fa sapere di aver avviato immediatamente un’indagine epidemiologica. Lo scopo di tale investigazione, condotta dai tecnici dell’Asl, servirà a capire in quali posti si sono recati i giovani e ad individuare le persone con cui sono venuti in contatto.

LEGGI ANCHE -> Coronavirus: l’appello dei medici svedesi: “Non fate come noi”

Il contagio Covid nell’isola di Capri

faraglioni di Capri
faraglioni di Capri (pixabay)

A quanto parei ragazzi romani sarebbero stati sottoposti a tampone solo al loro ritorno nella capitale, a motivarli il fatto che uno del gruppo aveva manifestato febbre. Compito dell’Asl sarà anche quello di tracciare gli spostamenti di una ragazza appartenente alla comitiva che prima di arrivare a Capri avrebbe visitato anche un’altra località balneare della Campania. In tali indagini sarà inoltre fondamentale capire se la comitiva romana sia arrivata sull’isola già in fase di contagio. Intanto nei giorni scorsi, il sindaco di Capri Marino Lembo aveva già firmato un’ordinanza che impone sull’isola l’uso della mascherina anche all’aperto. La mascherina però dovrà essere obbligatoriamente indossata solo in alcune zone e fasce orarie. L’ordinanza specifica ad esempio che dovrà essere usata dalle 19 alle 21 nella zona della famosissima piazzetta. Per quanto riguarda invece le aree nei pressi di locali notturni e bar l’obbligo della mascherina inizierà alle 23 per concludersi alle 3 del mattino.

LEGGI ANCHE -> Covid-19, preoccupano i focolai in Spagna: più di 200 solo in Catalogna