Carabinieri arrestati, la procura Militare di Verona apre un fascicolo

Dopo l’arresto a Piacenza di sei carabinieri accusati di reati gravissimi, la procura militare di Verona ha deciso di aprire un’indagine per fare luce sulla vicenda. 

Getty Images

La Procura Militare di Verona ha dichiarato di aver aperto un fascicolo di indagine sui sei carabinieri accusati di abuso di potere nella Caserma Levante di Piacenza. L’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza ha scoperto un vero e proprio vaso di Pandora all’interno dell’esercito. I reati di cui sono accusati i carabinieri sono infatti gravissimi. L’indagine si è avvalsa di più di 75 mila conversazioni telefoniche, dalle quali sono emersi dei particolari agghiaccianti. In una di queste ad esempio, era uno degli accusati a definire il loro modo di agire come quello di una vera e propria associazione a delinquere. 

Una vicenda destinata a riempire le pagine dei giornali per molto tempo. Stanislao Saeli, procuratore militare a Verona, ha giustificato l’apertura del fascicolo nei confronti dei carabinieri, definendolo un atto obbligato relativo ai fatti scoperti dalla Guardia di Finanza. I militari coinvolti si trovano al momento nel carcere di Piacenza, anche se nei prossimi giorni dovrebbe essere trasferiti in altre strutture detentive. 

Leggi anche: Portogruaro, fermato il presunto colpevole dell’omicidio di una 59enne

Carabinieri arrestati, le parole di Ilaria Cucchi

ilaria cucchi carabinieri arrestati
Getty Images

Sulla vicenda si è pronunciato anche il garante dei detenuti Marcello Marighelli, che ha scritto una nota chiedendo ai vertici militari e al governo “una riflessione approfondita, che coinvolga anche il personale delle forze dell’ordine, sulle possibili azioni per la prevenzione del rischio di trattamenti disumani e degradanti”. 

Anche Ilaria Cucchi ha commentato l’inchiesta definendo gravissime le accuse a carico dei carabinieri. Ha inoltre dichiarato che l’indagine le ricorda in molti punti quello che è successo a suo fratello Stefano. Per la Cucchi è comunque arrivato il momento di smetterla di parlare “di singole mele marce, i casi stanno diventando troppi. Il problema è nel sistema”.

Leggi anche: Lanciano, scoperta maxi truffa sul Reddito di Cittadinanza