Whatsapp, un’inattesa novità è rimandata al 2021: i dettagli

Quella che era un’inattesa novità da parte di Whatsapp è stata rimandata al prossimo anno: ad annunciarlo gli stessi sviluppatori

Whatsapp
Whatsapp

In questi mesi sono molte le novità che spuntano fuori in merito a Whatsapp che ora più che mai ha in cantiere diversi aggiornamenti. Quello maggiormente chiacchierato riguarda WA Pay, un metodo di pagamento che permetterà a Zuckerberg di allinearsi con alcuni competitors.

Attesissimo è anche l’arrivo della modalità notturna. Meno invece farà piacere agli utenti l’inserimento di pubblicità all’interno dell’app di messaggistica, possibilità avanzata dagli sviluppatori in questi mesi.

A quanto pare, però, sarebbe ufficiale la decisione di posticipare l’ingresso di Ads da parte dell’azienda al 2021. Questa volontà è nata in primis per i malumori degli utenti che non apprezzano molto questa novità, proprio per questo si è preso tempo per riflettere su soluzioni alternative che possano rendere le chat WA produttive in termini economici.

LEGGI ANCHE—> Apple, svolta green: obiettivo emissioni zero entro il 2030

Whatsapp, capo reparto insultato dai colleghi

Whatsapp backup

Intanto, oltre ai vari aggiornamenti dell’app, vi riportiamo anche un fatto di cronaca che va condannato e che riguarda insulti e minacce su Whatsapp.

A Vicenza un capo reparto è stato costretto a denunciare undici suoi colleghi di lavoro e la Procura conseguentemente ha deciso di aprire un’indagine per diffamazione. A quanto pare, i suoi sottoposti lo avrebbero pesantemente offeso e schernito, soprattutto in ambito della sfera sessuale, in una chat di Whatsapp che serviva a scopo puramente lavorativo e nella quale il capo reparto non era presente.

Uno degli operai, però, dopo alcuni mesi ha lasciato l’azienda ed ha mostrato tutti i messaggi alla vittima che ha quindi sporto denuncia. Alcune persone si sono dette pronte a risarcirlo per evitare un processo.

LEGGI ANCHE—> Whatsapp, spunta la chat per evitare catene e spam: di cosa si tratta