Piacenza, spaccio ed estorsione in caserma: arrestati carabinieri

Piacenza, la procura ha ordinato diverse misure di custodia cautelare per i carabinieri di una caserma della città: le accuse sono molto gravi.

Carabinieri
Carabinieri (Gettyimages)

Le accuse con cui sono stati arrestati i carabinieri di una caserma piacentina vanno dallo spaccio, all’estorsione, fino alla tortura. Come riporta Skytg24, infatti, nella caserma della città emiliana sono scattati almeno sei arresti. Alcuni di questi direttamente in carcere, altri invece ai domiciliari.

La caserma, da quanto si apprende, è stata messa sotto sequestro. L’inchiesta della procura della Repubblica di Piacenza ha fatto scattare le diverse ordinanze di custodia cautelare per i militari. Come riporta Skytg24, i dettagli delle accuse saranno resi noti attraverso una conferenza stampa indetta per le ore 12.

Leggi anche >>> Recovery Fund, Italia raggiunge accordo ma debito pubblico aumenta

Piacenza: definite le date di inizio e fine anno scolastico 2020-21

Ministero Regioni Scuola
Scuola (Pixabay)

Come riporta il quotidiano Libertà, Piacenza ha diramato le date di riapertura e di chiusura del nuovo anno scolastico. La scuola piacentina riaprirà il prossimo 14 settembre e le lezioni finiranno invece il 5 giugno 2021. Già da settimane, i dirigenti scolastici sono al lavoro per definire dettagliatamente le modalità di rientro a scuola. Infatti, da quanto si apprende, il lavoro più duro riguarda proprio gli spazi, che devono garantire le nuove regole di distanziamento.

Nello specifico due scuole piacentine, il Gioia e il Respighi, viste le difficoltà nel reperire spazi adeguati, stanno pensando di continuare, in parte la modalità delle lezioni in diretta streaming. Dunque, nonostante gli sforzi per garantire il ritorno in aula siano tanti, i dirigenti, con ogni probabilità, si troveranno costretti ad optare per un ritorno quanto meno parziale. L’opzione delle lezioni in streaming non è dunque del tutto tramontata. Si attendono aggiornamenti sulla questione.

Potrebbe interessarti anche: ‘Ndrangheta, 75 arresti tra Italia e Svizzera: sequestri per 169 milioni

F.A.