Coronavirus, uno studio rivela: “Viaggia oltre i 4 metri, serve la maschera”

Coronavirus, uno studio rivela: “Viaggia oltre i 4 metri, serve la maschera”. Il lavoro realizzato da scienziati internazionali, è stato pubblicato sulla rivista ‘Physics of Fluids’

Coronavirus oltre i 4 metri
Coronavirus, uno studio rivela: “Vola oltre i 4 metri, serve la maschera” (Foto: Getty)

Il tema delle goccioline per il contagio del Covid-19 ci ha accompagnato per mesi, e nonostante le numerosissime testimonianze scientifiche, ancora non si è trovata una versione univoca. Secondo un ultimo studio le droplets create da uno starnuto o da un colpo di tosse, possono viaggiare più lontano e durare più a lungo in climi umidi e freddi, rispetto a quelli caldi e asciutti. I ricercatori hanno incorporato questa comprensione dell’impatto dei fattori ambientali sulla diffusione delle goccioline in un nuovo modello matematico che può essere usato per predire la diffusione del Coronavirus.

Il team, composto da studiosi dell’Uc San Diego Jacobs School of Engineering, dell’University of Toronto e dell’Indian Institute of Science, ha sviluppato uno studio che esamina i tassi di interazione e di collisione di una nuvola di goccioline espirata da una persona infetta con persone sane.

I loro risultati sono stati pubblicati il 30 giugno sulla rivista Physics of Fluids.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, l’invito di Trump agli americani: “Indossate la mascherina”

Coronavirus, uno studio rivela: “Viaggia oltre i 4 metri, serve la maschera”

Coronavirus mascherine in pubblico
Coronavirus, uno studio rivela: “Viaggia oltre i 4 metri, serve la maschera” (Foto: Getty)

Il professore di ingegneria meccanica all’Università della California di San Diego, nonchè uno degli autori del documento, Abhishek Saha, ha spiegato: “Quanto spesso le persone sane entrano in contatto con una nuvola di goccioline infette può essere una misura di quanto velocemente può diffondersi la malattia“.

Lo studio mostra che in base alle condizioni meteorologiche può variare la “distanza di contagio” del Covid.

Con un clima freddo e umido le droplets possono raggiungere ben oltre i 4 metri di distanza con un colpo di tosse. Ciò significa che il distanziamento non è sufficiente se non abbinato all’uso delle mascherine.

Hanno scoperto che a una temperatura di 35° C , con il 40 percento di umidità relativa, una goccia può spostarsi di circa 2 metri. Tuttavia, a 5° C, con l’80% di umidità, una goccia può viaggiare fino a 4 metri.

Questa è un’ulteriore prova dell’importanza di indossare mascherine, per prevenire qualsiasi forma di infezione.

I ricercatori sperano che il loro modello dettagliato per il tasso di diffusione dell’infezione, possa contribuire a comprendere meglio le politiche sociali da adottare.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, lo sfogo in Tv di Zangrillo: “Dovete ricominciare a vivere”