Napoli, riscuoteva pensione della zia morta da quattro anni

Nella provincia di Napoli, una donna è indagata per aver riscosso la pensione della zia deceduta nel 2013. 

Getty images

Nel comune di Santa Maria la Carità, nella provincia di Napoli, si è scoperto che una signora cinquantenne, riscuoteva da anni la pensione di invalidità di una sua zia morta nel 2013. Adesso la Guardia di Finanza ha emesso un mandato nei suoi confronti e posto la sua abitazione sotto sequestro. L’ordine è arrivato dalla Procura di Torre Annunziata. La donna si ritrova adesso indagati per truffa ai danni dell’Inps. Secondo quanto scoperto dagli investigatori, la cinquantenne prelevava regolarmente il denaro che l’Inps elargiva come indennità alla zia. La donna era cointestataria del conto postale sul quale l’Istituto di Previdenza versava la pensione.

Leggi anche: Roma, morta dopo il parto: ora indaga la Procura

Riscuoteva la pensione di un parente deceduto, era già scorso lo scorso anno

Getty Images

Un episodio simile si è verificato lo scorso anno ad Ascoli. Qui infatti, la Guardia di Finanza ha scoperto che un uomo riscuoteva la pensione della madre defunta da quasi cinque anni. Questi dopo la morte della madre, aveva lasciato che le utenze domestiche fossero ancora intestate alla madre. Grazie a una ricerca condotta dai militari del Gruppo di Ascoli, che hanno incrociati vari dati provenienti dagli archivi  dell’Agenzia delle Entrate degli uffici d’anagrafe e dell’Inps, si è riusciti a scovare questa truffa.

Leggi anche: Processo Eni, chiesti otto anni di carcere per Descalzi e Scaroni