CONDIVIDI

Il Sole visto da molto vicino. Una missione resa possibile dalla Nasa e dall’Esa, che lo scorso 10 febbraio hanno lanciato in orbita la sonda Solar Orbiter. Scoperta la presenza dei falò

sole falò
Sole, scoperta la presenza dei falò (Twitter Nasa)

Tra Crew Dragon, progetti di allunaggio e studi della superficie marziana, gli ultimi mesi si stanno rivelando estremamente prolifici per il campo dell’esplorazione spaziale. L’uomo sta compiendo passi da gigante, e l’aiuto delle nuove tecnologie potrebbe portare a scoperte incredibili nei prossimi anni.

Qualche mese fa, lo scorso 10 febbraio, Nasa ed Esa hanno dato vita ad una missione quantomai ambiziosa, e questa volta centra il Sole. Le due agenzie hanno infatti lanciato in orbita la sonda Solar Orbiter. Diretta verso il Sole, ha catturato alcune immagini della superficie solare da una distanza incredibilmente ravvicinata, scoprendo l’esistenza di diversi falò. Per fare ciò, sono stati messi a disposizione ben 10 strumenti, di cui 3 italiani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dubai, sta per nascere la prima città aliena del mondo

Paste the following code before the "" or "" tag

Sole, falò presenti in superficie: la missione

sole falò
Le prime immagini catturate dalla sonda Solar Orbiter (esa.int)

La missione della Nasa e dell’Esa sta dando i suoi frutti. La sonda Solar Orbiter, dopo alcuni mesi, ha fornito le prime immagini ufficiali della superficie solare, da una distanza mai vista prima d’ora. È stata scoperta la presenza di diversi “falò”, studiati nel dettaglio dal Metis, un coronografo italiano. “Ricordano molto quelli della Luna. Anche il Sole presenta sbuffi di plasma con una estensione pazzesca” viene riferito dall’Agenzia Spaziale Italiana: “Le immagini ottenute sono incredibili, ottenute grazie alla sonda Solar Orbiter“.

Nel corso della diretta streaming, durante la quale sono state mostrate le foto dei falò nel Sole, l’Agenzia Spaziale Italiana ha spiegato come le aspettative degli scienziati siano già state superate. Un progetto partito a febbraio e con una grande impronta italiana. Oltre all’Asi, infatti, hanno partecipato anche l’ Istituto Nazionale di Astrofisica e il Thales Alenia Space.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Luna di Sangue, sta per arrivare l’eclissi totale più lunga del secolo

sole falò
I falò visti da vicino (esa.int)