Black Lives Matter, a Bristol la prima statua: ecco chi raffigura

A Bristol spunta la prima statua in onore del movimento Black Lives Matter. Andiamo a vedere chi raffigura la statua apparsa in Gran Bretagna.

Black Lives Matter
La prima statua in onore del movimento (via Getty Images)

Se c’è un movimento che ha scosso la coscienza mondiale nell’ultimo periodo questo è il Black Lives Matter. L’ennesima morte di un afroamericano per mano della polizia, ha scatenato la rabbia non solo della popolazione statunitense, ma anche di quella mondiale. George Floyd, infatti, è l’ultimo dei decessi della comunità afroamericana che ormai da secoli soffre dell’oppressione dei suprematisti bianchi.

Dopo le numerose rivolte in piazza, pacifiche e non, sono diverse le iniziative partite per sensibilizzare la popolazione mondiale sul tema. Nel mondo dello sport, ad esempio, abbiamo visto la Mercedes trasformare il colore della sua auto in Formula 1, mentre in Premier League fino al termine della stagione i giocatori porteranno lo slogan “Black Lives Matter” dietro alle magliette.

Adesso in Gran Bretagna è spuntata la prima statua in onore del movimento. L’opera d’arte è stata pubblicata a Bristol, andiamo a vedere chi raffigura.

Black Lives Matter, a Bristol la prima statua: raffigurata l’attivista Jen Reid

Black Lives Matter
I passanti osservano la nuova statua nel centro di Bristol (via Getty Images)

Così sul piedistallo che a Bristol raffigurava Edward Colston, trafficante di schiavi, è spuntata una nuova statua. Infatti lo scorso 7 giugno, i manifestanti hanno tirato giù la statua che ricordava un passato fatto di razzismo ed oggi invece è nata una nuova opera d’arte.

Infatti su quello stesso piedistallo è stata eretta una statua in onore di Jen Reid, attivista del movimento Black Lives Matter. A creare l’opera ci ha pensato l’artista e scultore Marc Quinn, che ha intitolato il monumento “A Surge of Power“. Lo stesso scultore ha dichiarato che ha creare la statua ci ha pensato la protagonista, quando è rimasta in piedi con il pugno alzato. Quinn ha voluto così cristallizzare quel momento e quell’immagine.

Jen Reid, al The Guardian, ha dichiarato che la statua servirà a mantenere aperto il dialogo su temi ancora oggi caldissimi come razzismo e colonialismo. Nonostante il bellisimo gesto di Quinn, il sindaco di Bristol, Marvin Rees, ha preso le distanze, ricordando che il posizionamento della statua è frutto della volontà dell’artista.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca Estera, CLICCA QUI !