CONDIVIDI

Visto Gran Bretagna, il governo ha illustrato i provvedimenti che entreranno in vigore dal prossimo 1° gennaio e le difficoltà aumentano

Boris Johnson Coronavirus
Boris Johnson non chiude le porte (Getty Images)

Visto Gran Bretagna: se la vostra idea è ancora quella di fare la valigia e partire alla cieca sperando di potervi, meglio cambiarla. Con la Brexit che diventerà effettiva dal prossimo gennaio cambieranno tutte le regolle per vivere stabilmente nel Paese. E sarà così anche per i cittadini europei, quelli che di fatto potevano considerarsi privilegiati in quanto comunitari.

Con le nuove regole sul visto cambia tutto. Il premier Boris Johnson ha cercato di fare il pompiere, dicendo che il suo governo non sta sbarrando i cancelli. La realtà però è decisamente diversa perché la nuova legge sull’immigrazione comporta una serie di paletti precisi.

parlamento inglese Brexit Boris Johnson UE
Ormai la Brexit è una realtà (Getty Images)

I primi ad essere tagliati fuori saranno i giovani, non solo italiani che da sempre popolano la Gran Bretagna per fare esperienza. Partono con un po’ di euro in tasca, trovano da vivere e poi cerfcano un  lavoro sul posto, magari come camerieri giusto per mantenersi.

Paste the following code before the "" or "" tag

Con il nuovo visto tutto questo non sarà più possibile. Ai richiedenti infatti è chiesta una conoscenza approfondita della lingua e un lavoro. Tuitte voci entrate a fare pèartte del sistema punti che determinerà la salvezza o l’addio e rappresenta la vera novità della riforma.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Brexit: cosa cambia da domani per persone, commercio e lavoro

Brexit, da gennaio parte il sistema a punti: come funziona e a chi è rivolto

La grande novità per il visto in Gran Bretagna è rappresentata dal sistema a punti. In pratica per ottenere il visto d’ingresso serviranno 70 punti e 50 di questi derivano dall’offerta di lavoro e dalla conoscenza della lingua inglese. Serve avere almenio un diploma di scuola superiore ma anche dimostrare  di avere un salario minimo di 20.480 sterline annui (circa 22mila euro).

Inoltre è possibile accumulare punti sempre grazie allo stipendio  se è superiore alle 25.600 sterline l’anno (circa 28.500 euro),.In questo caso è comunque previsto con uno sconto del 30% per gli under 26  Altri punti si ottengono con il dottorato di ricerca oppure nel caso in cui il lavoro sia in settori inei quali è evidente una carenza di personale. Peggio va ai lavoratori altamente qualificati che dovranno un salario fino a 60mila sterline, cioè circa 70mila euro.

Brexit Londra italiani turisti
Brexit, la Gran Bretagna si prepara (Getty Images)

Meglio stanno in prospettiva il personale sanitario e gli assistenti sociali che avranno regole più soft da soddisfare. Vale anche per i cosiddetti ‘talenti globali‘ cioè scienziati, accademici, artisti e musicisti. Potranno infatti entrare senza una reale offerta di lavoro. Invece gli studenti appena laureati potranno rimanere per due anni nel Paese anche dopo la laurea, il tempo considerato equo per trovare lavoro. In caso di dottorato il limite sale tre anni mentre per i turisti il periodo di permanenza è di sei mesi.