Dubai, sta per nascere la prima città aliena del mondo

Si chiamerà Mars Science City e sarà la prima città aliena del mondo vicino Dubai. Gli Emirati Arabi hanno infatti deciso di riprendere un vecchio sogno dell’umanità del dopo guerra. 

Getty images

Un gruppo di architetti, ha deciso di creare una città in cui possano essere riprodotte le possibili condizioni di vita su Marte. Il suo nome sarà Mars City Science. Il progetto è stato finanziato dagli Emirati Arabi che da tempo hanno mostrato un profondo interesse verso la conquista dello spazio.

Nel 2017 infatti, hanno annunciato la creazione di un piano molto ambizioso, per colonizzare Marte entro i prossimi cento anni. Gli architetti hanno scelto una zona abbastanza vicina al deserto di Dubai. Qui costruiranno la prima città aliena del mondo. 

La sua estensione è semplicemente impressionante. La futura città aliena occuperà infatti più di 176 mila metri quadrati. Una cifra che, per fare un esempio, è superiore a più di trenta campi di calcio messi insieme. Sarà caratterizzata da quattro cupole molto grandi, che avranno inoltre il compito di mantenere una pressione e una temperatura nell’ambiente circostante che permette l’insediamento e la sopravvivenza dell’uomo. 

Leggi anche: Il messaggio che ha salvato una vita da Auschwitz: “Buona fortuna”

Negli Emirati la prima città aliena del mondo, i governi ritornano ad interessarsi di Marte

Getty images

Il primo vero programma spaziale per colonizzare Marte è stato finanziato dall’ex Unione Sovietica nel 1960. Gli scienziati lanciarono due sonde allo scopo di riprendere e sorvolare il pianeta Rosso da vicino. Entrambe però non riuscirono nemmeno nell’intento di raggiungere l’orbita terrestre. Stessa sorte è poi toccata ad altre tre sonde lanciate due anni dopo, nel 1962.

I primi tentativi di raggiungere Marte da parte della Nasa, iniziarono invece nel 1964. Anche gli americani tentarono di lanciare due sonde sul Pianeta Rosso per studiarlo. La prima sonda si rivelò un fallimento perché al momento del lancio, la sua copertura protettiva rimase bloccata.

La seconda invece, denominata Mariner 4, riuscì nel suo intento. E grazie a questa, fu possibile ottenere le prime immagini e le prime informazioni su Marte. I dati raccolti dalla sonda però, mostrarono una pianeta in cui era impossibile che si ricreasse una vita biologica simile al pianeta Terra. Anche per questo, l’interesse dei governi verso Marte andò scemando negli anni.

Leggi anche: Luna di Sangue, sta per arrivare l’eclissi totale più lunga del secolo