CONDIVIDI

Recovery Fund, da pochissimi minuti c’è stato un incontro importante per il Paese tra il presidente Giuseppe Conte e la tedesca Angela Merkel. 

Angela Merkel (Getty Images)

L‘Italia sta discutendo da mesi con la Germania e il resto d’Europa per cercare di pianificare una strategia utile per recuperare l’economia. Il Covid-19, infatti, ha messo in ginocchio l’Italia, prima nazione colpita in modo gravissimo dell’Europa, facendola crollare sotto i colpi della crisi. Per questo è necessario che tutta l’Unione Europea dia il massimo per aiutare economicamente il Paese forse più colpito e massacrato dall’infezione proveniente da Wuhan. Ed è per questo che da mesi si parla di strategie economiche a lungo termine per cercare di far risalire l’Italia sul carro del futuro, perché ora è necessario riprendere in maniera più forte di prima.

Paste the following code before the "" or "" tag

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, stato d’emergenza in Italia: “Non limiterà libertà individuali”

Recovery Fund, Merkel: “Presto accordo con Conte, ammiro l’Italia”

La riunione da pochi minuti finita tra il presidente Giuseppe Conte e il cancelliere tedesco Angela Merkel pare abbia avuto un esito piuttosto positivo. Si è discusso del recovery fund, un fondo appunto per la ripresa del Paese, per cercare di dare nuovo sangue alla nazione. Le parole del politico tedesco fanno ben sperare, avendo di fatto promesso che per venerdì ci sarà un nuovo e fondamentale incontro con Conte. Inoltre, la Merkel si è detta fiera e soddisfatta dell’Italia, in quanto “Gli italiani hanno reagito in modo ammirevole”. Parole importanti, che potrebbero porre fine a quel gelo e a quel clima di sospetto e anche odio che aleggia tra le due nazioni. Perché spesso, troppo spesso, quando si ragiona con i soldi si dimenticano che sono più importanti le persone. Dal canto suo, il presidente Conte ha sostenuto: “L’UE deve proporre soluzioni, non paure ai propri cittadini”.

LEGGI ANCHE —> Autostrade, Conte attacca Benetton: “Prendono in giro familiari vittime Morandi”