CONDIVIDI

Suurbier è stata una delle stelle che ha portato l’Ajax a vincere tre Coppe dei Campioni. Un suo ex compagno lo ricorda tirando in ballo CR7.

Getty Images

Si è spento nella giornata di ieri, all’età di 75 anni, Wim Suurbier, ex calciatore di Ajax e Schalke 04.

L’uomo è stato colpito da un’emorragia celebrale che gli è stata fatale. Suurbier è stato una dei calciatori simbolo del grande Ajax.

Con gli olandesi ha infatti disputato più di quattrocento partite ufficiale, vincendo per sette volte il campionato. Ai titoli casalinghi vanno anche aggiunti quattro Coppe dei Paesi Bassi. Suurbier è stato inoltre uno dei grandi protagonisti della cavalcata che ha portato l’Ajax a vincere tre Coppe dei Campioni negli compresi tra il 1970 e il 1972. Con la nazionale olandese è stato due volte vice-campione del mondo, prima nel 1974 e poi nel 1978. Ha inoltre conquistato anche un bronzo agli Europei che si sono tenuti in Jugoslavia nel 1976. 

Paste the following code before the "" or "" tag

Leggi anche: Pallanuoto: è morto Scotti Galletta, vincitore del Mondiale nel ’78

È morto Wim Suurbier, l’ex compagno: “ Con lui in campo, CR7 non sarebbe durato 5 minuti”

Getty Images

Suurbier era un terzino molto veloce, abile nel recuperare pallone e con una discreta tecnica nel crossare la palla. 

A celebrarne il ricordo, è stato un suo ex compagno di squadra nell’Ajax, Sjaak Swart. Questi lo ha descritto come un vero e proprio assassinio sul rettangolo da gioco. Suurbier nei suoi ricordi possedeva infatti una ferocia agonistica in grado di intimidire qualunque avversario.

Swart, continuando nell’intervista, ha poi spiegato che gli sarebbe piaciuto tantissimo veder competere il suo ex compagno di squadra con Cristiano Ronaldo. A suo parere, con lui in campo CR7 non sarebbe durato nemmeno cinque minuti. Swart ha infatti spiegato che anche se  si fosse trattato di “un’amichevole, non avrebbe giocato per cinque minuti. Perché Wim era anche un assassino in campo“.

Leggi anche: Uefa, il Manchester City riammesso alle coppe: annullata la squalifica