CONDIVIDI

Coronavirus Italia misure restrittive prorogate almeno fino al 31 luglio. Cosa cambia per discoteche, fiere, voli e assembramenti

Fase 3 discoteche regole
Coronavirus Italia, discioteche chiusei almeno fino al 31 luglio (Pixabay)

Emergenza Coronavirus Italia, misure prorogate e nessuna riapertura in vista per discoteche, centri congressi e fiere. Sarà ufficiale martedì prossimo, 14 luglio, ma nei piani del governo c’è l’intenzione di prorogare le misure restrittive almeno fino al 31 luglio. La pandemia da Covid-19 fa ancora paura, come sottolineano i virologi, e allora meglio le precauzioni.

Quindi almeno per tutto il mese in corso vietati gli assembramenti e obbligatorio indossare la mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico. In pratica il 31 luglio diventa la nuova frontiera temporale per i provvedimenti del Dpcm firmato l’11 giugno scorso. Ora ne arriverà uno nuovo, ma fonti del ministero della Salute fanno sapere che il ministro Roberto Speranza tra due giorni sarà in Parlamento per illustrare la proroga.

Coronavirus
Il premier Conte pronto a firmare il prolungamento (Getty Images)

Provvedimenti comunque diversi dalla proroga dello Stato di emergenza che è tornato d’attialità in questi giorni. Le ultime indiscrezioni dicono che il limite sarà esteso al 31 ottobre e non fino al 31 dicembre come sembrava in un primo momento. In ogni caso sono previsti aggiornamenti importanti. A cominciare dalla conferma delle ordinanze per il divieto di ingresso in Italia destinato a chi ha soggiornato negli ultimi 14 giorni nei 13 Paesi fuori dai coefficienti minimi di sicurezza. E la misura potrebbe anche prevedere il rimpatrio immediato.

Paste the following code before the "" or "" tag

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino coronavirus, Speranza: “Oggi abbiamo una nuova notizia” 

Cinema, teatri, negozi e spiagge devono ancora rispettare le vecchie regole

Cosa cambia in concreto con la proroga delle misure? Intanto prosegue il divieto di assembramenti e quindi cinema, teatri e auditorium continueranno ad avere posti a sedere preassegnati e distanziat di almeno 1 metro (salvo i conviventi). E il massimo consentito resta mille spettatori per spettacoli all’aperto e 200 in luoghi chiusi.

Prorogati anche i protocolli di sicurezza per l’apertura delle attività produttive e commerciali. Quindi distanza interpersonale di almeno 1 metro sia rispettata,  ingressi in maniera dilazionata e divieto di sostare nei locali più del tempo necessario all’acquisto. E ancora obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, compresi i mezzi di trasporto. Non sparisce dunque l’applicazione della sanzione penale per chi viola la quarantena obbligatoria.

Ai bambini rimane permesso giocare all’aperto, sempre che in sicurezza, e rimangono permesse attività motorie e sportive all’aperto e nelle palestre. Ristoranti, pub, bar, gelaterie e pasticcerie, infine, possono rimanere aperte se le regioni di appartenza non decidono restrizioni.

Coronavirus
Il Ministro della Salute, Roberto Speranza (Getty Images)

Non è tutto, perché come ha anticipato il ‘Corriere della Sera’ c’è in vista anche una nuova circolare del Viminale espressamente dedicata a movida e spiagge. Il proposito è evitare che non sia rispettato il distanziamento tra gli ombrelloni, opra che la stagione è entrata nel vivo. Ma anche che le serate in compagnia diventino una nuova fonte di contagio.

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24