CONDIVIDI

Quanto accaduto in Giappone rasenta la follia più totale: una mamma ha lasciato sua figlia, una bimba di tre anni, da sola a casa per otto giorni: la piccola è stata trovata morta.

Bimba
Giappone, bimba di tre anni morta in casa (photo Pixabay)

Giappone: Saki Kakehashi, 24 anni, ha lasciato sua figlia a casa per ben otto giorni. La motivazione? Doveva andare a trovare il fidanzato, a circa mille chilometri di distanza. La piccola Noa, di soli tre anni, come riporta Il Messaggero, è stata trovata morta all’interno dell’abitazione, per grave malnutrizione e disidratazione. Immediato l’arresto della madre che ha “giustificato” il folle gesto spiegando che credeva che lasciare la bimba sola in casa fosse “giusto”.

La donna, dopo aver lasciato la piccola Noa in casa per un’intera settimana, ha fatto rientro a casa. Lei stessa ha trovato la piccola accasciata in terra. Quando Saki Kakehashi si è accorta che la bimba non respirava, ha chiamato i soccorsi. Questi, tuttavia, hanno potuto solo accertarne il decesso.

Paste the following code before the "" or "" tag

Leggi anche >>> Vieste, morto “Nanu”: era lo storico braccio destro di Renato Vallanzasca

Giappone, morta bimba di tre anni lasciata sola in casa per otto giorni

Bimbo
Bimba lasciata in casa otto giorni dalla madre (photo Pixabay)

Come riporta il Messaggero, è stata l’autopsia effettuata sul corpo della bimba ad accertare le cause della morte. Inoltre, la polizia scientifica ha trovato sul corpo della bimba una grave eruzione cutanea causata dal pannolino sporco da giorni. Durante l’interrogatorio della 24enne, è stato anche portato alla luce che la piccola si era già sentita male prima che la donna partisse. Quest’ultima ha dichiarato di non averla portata in ospedale per le cure a causa di mancanza di soldi.

Da quanto si apprende, gli agenti stanno indagando a fondo, perché sembra che non sia la prima volta che accade qualcosa del genere. La polizia sospetta infatti che la bimba fosse stata lasciata sola più volte nell’arco degli anni. Dopo aver interpellato la scuola materna della bimba, si è saputo che la piccola Noa non frequentava da oltre un anno. Inoltre, come se non bastasse, all’interno dell’abitazione di Saki Kakehashi, è stata trovata una quantità enorme di immondizia, sinonimo di condizioni igieniche più che precarie.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus Florida, muore bimbo di 11 anni: altro record negativo in Usa

F.A.