Elezioni USA 2020, Biden aumenta il suo vantaggio su Trump

Entra nel vivo la corsa alle Elezioni USA 2020, secondo gli ultimi sondaggi il democratico Joe Biden sarebbe in vantaggio di circa 10 punti a livello nazionale. Consenso in crescita anche in alcuni Stati chiave storicamente favorevoli ai repubblicani.

Biden
Biden (getty images)

Nonostante l’epidemia di Coronavirus, tutt’altro che sotto controllo in numerosi Stati, si fa sempre più caldo il duello tra Trump e Biden in vista delle elezioni presidenziali di novembre. Il candidato democratico, già vicepresidente di Barack Obama, continua – stando ai sondaggi – ad incrementare il suo vantaggio sull’avversario.

Oltre al dato nazionale, che lo vedrebbe in vantaggio di circa 10 punti, è da segnalare anche l’intenzione di voto emersa in diversi Stati chiave, solitamente più sbilanciati verso una politica conservatrice. Una serie di dati che, per la prima volta, delineano Joe Biden come favorito nella corsa alla Casa Bianca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa, Trump attacca la Cina e Biden: “Se vince lui, Wall Street a picco”

Elezioni Usa 2020, Biden in vantaggio di 10 punti su Trump

Joe Biden
I supporters di Joe Biden (via Getty Images)

Se questi numeri dovessero realmente corrispondere al risultato elettorale, i democratici potrebbero riuscire nell’impresa di controllare anche il Senato, dando tutt’altra forza alla prossima presidenza americana. Secondo i dati di Election Forecast di Politico infatti, a destare maggior sorpresa sarebbero i possibili risultati in quegli Stati che in altre condizioni sarebbero terreno fertile per i conservatori.

Le previsioni di Politico prendono in considerazione numerose variabili oltre ai tradizionali sondaggi. Il risultato è un’analisi a lungo termine del quadro politico che tiene conto delle campagne presidenziali così come dei vari distretti elettorali, studi demografici e interviste con strateghi ed addetti ai lavori.

Ad evidenziare le difficoltà del presidente uscente anche la scelta di lanciare spot aggressivi in Stati conquistati agevolmente nel 2016, come Georgia, Ohio e Iowa. Proprio in quest’ultimo il partito repubblicano sta anche gradualmente riducendo il suo staff.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Kanye West, colpo di scena: “Mi candido alle presidenziali USA”