CONDIVIDI

Ungheria, condanna per pedopornografia per l’ex ambasciatore in Perù, il diplomatico Gabor Kaleta. Avanzano le proteste.

Gabor Kaleta tra i diplomatici
Gabor Kaleta tra i diplomatici (photo Getty)

Gabor Kaleta è l’ex ambasciatore in Perù e uomo diplomatico molto vicino alla figura del premier Viktor Orban. Come riporta Skyg24, recenti ricerche lo hanno visto coinvolto in una rete di pedopornografia, per la quale è stato accusato a un anno di carcere, ma con sospensione di pena. Dunque, Kaleta non andrà in galera per i reati commessi.

Si tratta, da quanto si apprende, di alcune ricerche che le autorità americane hanno messo in piedi. Da queste si è riusciti ad arrivare al computer personale di Kaleta, all’interno del quale è stato trovato del materiale compromettente. Si tratta, infatti di 19 mila fotografie e video, dove si manifestano atti sessuali con minori.

Paste the following code before the "" or "" tag

Leggi anche >>> Salvini: “Surreale polemica su Orban, Italia decreta emergenza su Fb”

Ungheria: avanzano le proteste per la pena inflitta a Kaleta per pedopornografia

Viktor Orban
Viktor Orban (photo Getty)

Come riporta Skytg24, Gabor Kaleta è stato immediatamente rimpatriato dalla sua sede diplomatica, ovvero il Perù. Il processo si è tenuto infatti a Budapest. Ciò che ha fatto infuriare, in modo particolare, le organizzazioni in difesa dei minori ungheresi, è la pena che dovrà scontare l’ex diplomatico: un anno di carcere, con sospensione della pena.

Questo sta a significare che il diplomatico non andrà in prigione. Le autorità competenti non hanno certo accettato questa situazione. Le organizzazioni, tra cui la rappresentanza dell’Unicef sul territorio hanno fatto avanzare numerose proteste per una pena considerata troppo lieve per la gravità del reato. Nonostante i tentativi di mantener segreta la vicenda, da parte del diretto interessato, le autorità ungheresi hanno indagato a fondo e portato alla luce i fatti, rendendoli pubblici.

Potrebbe interessarti anche: India, 4 poliziotti arrestati: avrebbero ucciso 2 persone nel lockdown

F.A.