Coronavirus, nuova ordinanza nel Veneto: ritorna la quarantena fiduciaria 

Coronavirus, il Veneto prende provvedimenti dopo quanto accaduto con l’imprenditore veneto. Luca Zaia ha firmato infatti una nuova ordinanza che predispone la quarantena fiduciaria e non solo. Ecco le nuove direttive. 

Coronavirus
Coronavirus, il montoraggio continua (Getty Images)

In Veneto, dopo quanto accaduto con l’imprenditore di rientro dalla Serbia, ritorna la quarantena fiduciaria e non è la sola novità. La conferma arriva direttamente dal governatore Luca Zaia, il quale ha firmato una nuova ordinanza d’emergenza dopo quanto accaduto.

zaia coronavirus
Luca Zaia (Foto: Getty)

Coronavirus, le nuove ordinanza nel Veneto

L’isolamento, ovviamente, sarà di 14 giorni e riguarderà chiunque sia stato a contatto con casi a rischio o positivi accertati. In caso di successiva infezione confermata, il distacco dovrà durare altri 14 giorni. Chi rientra dall’estero dovrà invece sottoporsi obbligatoriamente a un doppio tampone.

Un primo al momento del rientro effettivo, un secondo circa 5-7 giorni più tardi. I nominativi dovranno poi essere consegnati forzatamente al sindaco, al Prefetto e alla polizia local. Se una persona positiva dovesse invece rifiutare il ricovero, questa dovrà essere immediatamente segnalata alle autorità.

Potrebbe interessarti anche —-> Cina, ritorna anche la peste bubbonica: un pastore è in quarantena

Sono previste pesanti sanzioni per chi non rispetterà tali direttive. L’interruzione dell’isolamento fiduciario, infatti, anche in caso di negatività al Covid-19, comporterà una multa di 1.000€. Chi invece da positivo non dovesse rispettare la quarantena, proprio come accaduto di recente, rischia la reclusione da 1 a 5 anni con un’ammenda che va da 500 a 5.000 euro.

Leggi anche —-> Covid-19, nuovo farmaco: al via la sperimentazione su 2000 pazienti

ZAIA A SKY TG24: "CONTRO IL VIRUS, IN AUTUNNO SCHIEREREMO L'ARTIGLIERIA PESANTE"

❌❌❌ Sul possibile ritorno del virus in autunno, sarebbe bene che gli esperti non dichiarassero: se qualcuno avesse certezza di cosa accadrà tra tre mesi, bisognerebbe subito dargli il premio Nobel. Per non sbagliare, noi in Veneto schiereremo l'artiglieria pesante, perché se il virus tornerà non ci troverà impreparati. Non è il caso di fare allarmismo ma non possiamo abbassare la guardia. ❌❌❌👉 NE HO PARLATO STAMATTINA A Sky TG24. Se volete, riascoltate la mia intervista e lasciatemi un commento.

Pubblicato da Luca Zaia su Lunedì 6 luglio 2020