CONDIVIDI

Un dato emerso sulla rivista Chaos, con un’analisi svolta presso l’Università di Sydney e l’Università di Tsinghua a Pechino sul Coronavirus in Italia

Vittime Italia Coronavirus
(Foto: Getty)

La rivista Chaos ha pubblicato un’interessante analisi sul Coronavirus in Italia. Lo studio è frutto del lavoro di due matematici presso l’Università di Sydney e l’Università di Tsinghua a Pechino. Secondo quanto riportato, in Italia c’è stato un anomalo picco di morti all’inizio della pandemia, esattamente come in Iran.

Al contrario, Singapore, Sud Corea, Qatar e Australia hanno registrato risultati molto bassi.

Paste the following code before the "" or "" tag

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Singapore, dopo il Covid arriva la Dengue: peggior focolaio della storia

Coronavirus in Italia: lo studio

Coronavirus
(Getty Images)

Lo studio è stato fatto prendendo in considerazione i dati su contagi e decessi nel periodo che va dal 31 dicembre 2019 al 30 aprile 2020. Osservando i grafici sottoposti all’analisi, i dati emersi sono i seguenti: in Italia, come in Iran, il momento chiave dei contagi si è verificato tra il l’1 e il 2 marzo, quello dei decessi invece, tra il 18 e 19 marzo. Anche la Spagna e gli Stati Uniti sono stati sottoposti all’indagine: si evince, infatti, una notevole esplosione – un raddoppio, dicono i numeri – di morti, dopo 16 giorni.

Un altro dato interessate dell’analisi è come il mondo si sia diviso in gruppi: a metà marzo, nel clou della pandemia, si contavano 16 gruppi differenziati dal numero di contagi. Simile sorte anche nel mese di Aprile, tuttavia i dati drammatici sono tutti riconducibili al mese di marzo.

 

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24