Usa, Trump attacca la Cina e Biden: “Se vince lui, Wall Street a picco”

Nuovo attacco del presidente degli Usa, Donald Trump, che in un’intervista a Fox ha preso di mira la Cina e Biden. Andiamo a vedere le parole del tycoon.

Usa trump
Nuovo attacco del tycoon a Cina e Biden (Getty Images)

E’ iniziata la ricerca dei consensi per il presidente Usa Donald Trump, che dopo le lotte interne a causa della police brutality si trova addirittura dietro nei sondaggi. Infatti Joe Biden, candidato dei democratici sembra essere il grande favorito per le prossime elezioni, con un Trump danneggiato dalle proteste e dalle numerose soluzioni estreme da lui stesso proposte.

Così il 45esimo presidente americano, per recuperare qualche consenso ha deciso di farsi intervistare dalla Fox, rete storicamente al fianco del presidente repubblicano. Durante la sua lunga intervista alla televisione locale, Trump ha toccato tutti i temi più caldi. Si è passati dal Coronavirus all’uso di mascherine, dalla Cina al suo prossimo avversario Joe Biden. Andiamo quindi a vedere le parole del vulcanico leader americano all’emittente statunitense.

LEGGI ANCHE -> Donald Trump contro il Black Lives Matter: “Simbolo d’odio”

Usa, Trump contro Biden: “Con lui crolla Wall Street”

Usa Trump
Il presidente americano Donald Trump contro tutti (Getty Images)

Donald Trump lancia così il nuovo attacco al suo concorrente Joe Biden. Infatti con il democratico al Governo, il tycoon prevede un repentino crollo di Wall Street, annunciando che Biden sarebbe pronto ad introdurre nuove regole e ad aumentare la tassazione.

Ma uno dei cavalli di battaglia del Trump oratore è la pandemia da Coronavirus. Infatti il tycoon non ha perso tempo per puntare nuovamente il dito contro la Cina. Per il 45esimo presidente americano, il paese cinese avrebbe dovuto fermare l’epidemia prima che arrivasse nel resto del mondo.

Poi, sempre durante l’intervista, il presidente ha ironizzato sull’uso della mascherina affermando di essere a favore e di sembrare il Cavaliere Solitario. Inoltre per Trump, negli Usa non c’è bisogno di imporre l’uso della mascherina con qualche legge.

Proprio per quanto riguarda i rapporti con la Cina, la Camera statunitense, nella notte, ha firmato un provvedimento che permette sanzioni contro le banche che fanno affari con i funzionari cinesi coinvolti nella vicenda Hong Kong. Una volta approvata dal Senato, la misurà passerà tra le mani di Trump che dovrà mettere la firma finale.

L.P.

Per altre notizie di Politica Estera, CLICCA QUI !