CONDIVIDI

Con il 77,9% di voti a favore, ha vinto il sì al referendum sulla riforma della Costituzione in Russia. Putin potrebbe restare in carica fino al 2036

russia referendum
Vladimir Putin (Getty Images)

Sono arrivati i risultati relativi al referendum voluto dal presidente della Russia Vladimir Putin per apportare alcune modifiche alla Costituzione. Alla fine, con il 77,8% dei voti, ha vinto il sì. Dopo quasi 30 anni, quindi, cambia la carta fondamentale post-sovietica firmata da Boris Eltsin.

Dai primi dati – riportati dal presidente della Cec Ella Plamfova – l’affluenza alle urne sarebbe stata del 65%. Per incentivare i cittadini a votare, il Comune di Mosca ha promesso due milioni di voucher per l’acquisto di beni e servizi. Si tratta di una pratica di stampo sovietica, mascherata come una proposta per “stimolare i consumi”. Anche in altre regioni della Russia, i vari governi locali hanno promesso auto e sconti al ristorante per attirare un numero più alto di elettori.

Paste the following code before the "" or "" tag

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, nuovo picco in Israele. Riscattano vari lockdown

Russia, Putin fino al 2036? Cosa cambia col sì al referendum

referendum russia
Cosa cambia col sì al referendum (Getty Images)

Le modifiche alla Costituzione della Russia, volute dal presidente in carica Vladimir Putin, potrebbero portare a delle clamorose conseguenze. Con la vittoria del sì al referendum, infatti, il conteggio degli incarichi da capo dello Stato vengono azzerati. La legge attuale prevede massimo due mandati consecutivi ma, con questo escamotage, Putin potrebbe correre per altri due mandati presidenziali. In questo modo, potrebbe rimanere al Cremlino fino al 2036, in virtù delle presidenziali del 2024 e 2030.

Inizialmente, il governo in carica aveva proposto di chiamare i cittadini alle urne per ridistribuire i poteri, rafforzando così il Parlamento. In realtà, come spiegato da diversi esperti, si sarebbe trattato di una mossa per rendere il presidente ancora più potente. Considerando i 67 anni compiuti da Putin, una sua eventuale carica fino al 2036 vorrebbe sostanzialmente dire che rimarrebbe presidente russo a vita. Tra le altre modifiche alla carta fondamentale, il rafforzamento del matrimonio come legame tra uomo e donna (che rafforza il divieto dei matrimoni gay).

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Incidente nella centrale nucleare dell’Iran: “Nessuna fuga di radiazioni”