CONDIVIDI

Bill Gates, 1 milione investito in un progetto italiano: di cosa si tratta. La Fondazione gestita con la moglie ha deciso di finanziare la creazione di una speciale pompa idraulica per i Paesi più poveri

Bill Gates
Bill Gates, 1 milione investito in un progetto italiano: di cosa si tratta (Foto: Getty)

Potrebbe sembrare paradossale ma Bill Gates si mette in affari con una piccola azienda della Brianza. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, la fondazione gestita con la moglie Melinda ha messo gli occhi su un progetto di un ex operaio di Cavenago, Vincenzo di Leo. Il 72enne, assieme alla sua piccola azienda, aveva progettato una speciale pompa idraulica, con caratteristiche innovative. La Gates Foundation ha deciso di mettere sul piatto la cifra di 1 milione di dollari per migliorare il progetto ed esportare il sistema nei paesi del terzo mondo.

Il fine ultimo è quello di aiutare le popolazioni più povere, aspirando le latrine da campo e diminuendo l’insorgere di numerose malattie collegata alla mancanza di ambienti salubri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bill Gates ed il brevetto del vaccino pronto dal 2014: come stanno le cose

Bill Gates, 1 milione investito in un progetto italiano: di cosa si tratta

Bill Gates Foundation
Bill Gates, 1 milione investito in un progetto italiano: di cosa si tratta (Foto: Getty)

L’idea affonda le radici al 2016, quando all’interno dell’Ifat (Fiera mondiale per la gestione di acqua, fognature, rifiuti e materie prime), un emissario della fondazione di Bill e Melinda Gates, pose gli occhi sulla pompa idraulica. Il sistema “Tarua“, ideato dalla piccola azienda brianzola aveva del potenziale su cui poter investire.

La sua semplicità di utilizzo e lo scarso bisogno di manutenzione la rendevano il progetto perfetto per il fine ultimo, aiutare le popolazioni in difficoltà.

Vincenzo di Leo racconta il suo stupore quando da Seattle lo contattarono qualche tempo fa per comunicargli che avrebbe ricevuto un bonifico di un milione di dollari per la sua invenzione.

Secondo quanto riporta il Corriere, però, ci furono anche delle richieste ben precise da seguire. La prima era la riduzione del peso totale da circa 300 chili a poco più di 70. In più doveva essere semplificata nell’utilizzo e nella forma, per essere trasportabile dalle braccia di due donne. Vincenzo ha impiegato circa 6 mesi per capire come apportare le migliorie necessarie, ma ne deve essere valsa la pena per una cifra del genere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Bill Gates arrestato”, l’ennesima bufala che circola sul web