CONDIVIDI

Retata dei Carabinieri nella notte di Napoli, con le forze dell’ordine che coordinano 14 arresti. Sgominate due piazze di spaccio: Fuorigrotta e Quarto.

Napoli arresti
Operazione dei carabinieri di Napoli (via Carabinieri Napoli)

Una notte movimentata a Napoli, dove i carabinieri hanno coordinato 14 arresti per sgominare due piazze di spaccio: Fuorigrotta e Quarto. Infatti l’operazione è seguita all’indagine coordinata dalla Direzione distrettuale Antimafia di Napoli ed i Carabinieri di Marano di Napoli. Così le forze dell’ordine hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare.

Tra i 14 arresti, ben 8 sono finiti in carcere mentre altri 6 sono adesso agli arresti domiciliari. Ad emettere la custodia cautelare ci ha pensato il Gip del Tribunale di Napoli, con i soggetti arrestati che sono accusati di associazione finalizzata al traffico illecito, spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Inoltre ad aggravare la situazione di uno degli arrestati, ci ha pensato una pena del 2019 in cui favoriva la latitanza di un soggetto di spicco della Camorra Napoletana. Andiamo quindi a vedere nel dettaglio l’operazione dei carabinieri nel napoletano.

Napoli, notte di arresti: sgominate le piazze di spaccio di Fuorigrotta e Quarto

Napoli Arresti
L’operazione dei carabinieri nel napoletano (Foto: Facebook)

L’indagine dei Carabinieri ha permesso di ricostruire due organizzazioni criminali dei quartieri Fuorigrotta e Quarto, che gestivano lo spaccio in zona. Un sistema a dir poco fruttuoso per le due bande criminali che erano in possesso di abitazioni e garage, dove custodire sostanze stupefacenti. Ma non solo, infatti a disposizione avevano anche addetti alla preparazione delle dosi, pali, addetti alla vendita ed alla contabilità.

I Carabinieri hanno scovato anche un vero e proprio modus operandi, con cui i criminali portavano avanti l’organizzazione. Infatti prima si vendeva lo stupefacente, poi si passava ad un canale dinamico. Gli stupefacenti venivano venduti nelle zone più disparate, tutte con grande affluenza di acquirenti. E quindi spesso l’operazione avveniva in bar, pub, pizzerie, sale scommesse, piazze e addirittura nelle abitazioni degli stessi spacciatori.

Ad aiutare la vendita dei pusher c’erano anche alcuni fiancheggiatori, pronti ad avvisare il venditore nell’eventuale arrivo di forze dell’ordine. Nella notte, così i carabinieri hanno bloccato le due bande camorristiche che gestivano lo spaccio a Fuorigrotta e Quarto.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !