CONDIVIDI

Damiano Tommasi ha preso una decisione molto forte, che senza dubbio comporterà delle discussioni e dei cambiamenti radicali. Da oggi infatti non è più il presidente dell’AIC.

coronavirus tommasi conte calcio
Damiano Tommasi (Getty Images)

L’Associazione Italiana Calciatori si trova ora nella bufera più totale. L’organo nazionale pensato per difendere i diritti dei calciatori di ogni categoria, infatti, si trova improvvisamente senza presidente. Dopo 21 anni di guida e di amministrazione, l’ex calciatore professionista Damiano Tommasi ha deciso di rassegnare le sue dimissioni e abbandonare seduta stante la carica di numero uno dell’AIC.

Una scelta molto forte, che di certo sarà l’inizio di diversi cambiamenti importanti che potrebbero riguardare il calcio e il modo di fare calcio per i giocatori. Almeno in italia e nelle categorie che comprende l’ordinamento calcistico del Belpaese.

LEGGI ANCHE —> Juventus, Arthur è bianconero: il comunicato e le cifre

Damiano Tommasi si dimette dalla presidenza dell’AIC: la lettera

Tommasi ha scritto una lettera da diffondere come nota ufficiale per annunciare il suo addio alla presidenza dell’AIC. L’ex giocatore della Roma, da anni vertice dell’organo di dirigenza del calcio italiano, ha sostenuto come questa sia una decisione molto dolorosa.

Oggi con le dimissioni dalla carica di consigliere e Presidente dell’AIC”, ha scritto nella nota, “si chiude per me un percorso iniziato con l’ingresso nel Consiglio Direttivo nel lontano 1999“. Insomma la fine di un progetto, di un’avventura lunghissima.

LEGGI ANCHE —> Covid-19, il bollettino del 29 giugno: 6 morti, 305 guariti